Crescita Personale

8 Atti d’Amore verso Te Stesso quando Ti Senti un Fallito

L’idea della critica, del giudizio negativo e, in ultimo, del fallimento colpisce duramente la parte più profonda del nostro io.

Siamo portati a concepire un nostro fallimento come una condanna definitiva di noi stessi, la manifestazione delle nostre incapacità e l’espressione di quanto poco valiamo.

Quando falliamo, tendiamo a essere molto duri con noi stessi, tendiamo ad estendere la portata di un singolo fallimento ad ogni altro aspetto della nostra vita, tendiamo a usare il fallimento per abbatterci, auto-umiliarci e condannarci.

In una parola: ci auto-sabotiamo.

Con l’inevitabile conseguenza che la risalita della china diventa ancora più ardua e complicata.

Perché non provare invece ad utilizzare un altro approccio?

Un approccio che ci consenta di vedere il fallimento da una prospettiva di crescita e di miglioramento?

Un approccio che utilizzi il fallimento come opportunità per dimostrarci quanto vogliamo bene a noi stessi?

Ecco allora di seguito alcune idee su come puoi riuscire a sentirti meglio dopo un fallimento, continuare a volerti bene e guardare con fiducia al futuro.

1. Perdona te stesso per gli errori commessi.

La capacità di perdonare noi stessi è il dono più grande che ci possiamo fare per aiutarci a mettere alle spalle rimpianti e passi falsi.

Il perdono ci consente di fare tesoro degli errori del passato, guardando il futuro da una prospettiva costruttiva e positiva invece di continuare a torturarci per gli sbagli compiuti.

2. Concentrati sull’essere auto-compassionevole.

Auto-compassione non significa provare pena per noi stessi.

Auto-compassione significa concederci il privilegio di vivere in modo profondo e allo stesso tempo sereno il nostro dolore.

Significa essere in intimità con ciò che ci ha fatto stare male, accogliendo ed accettando con calma e lucidità i momenti di sofferenza come parte integrante della nostra esistenza.

3. Smetti di giudicarti.

Sospendere le etichette che hai messo su te stesso è un atto di amor proprio.

Invece di generalizzare e definirti “un fallimento”, prova ad analizzare in modo sereno ed oggettivo cosa non ha funzionato e cosa avresti potuto fare differentemente.

Il fallimento non serve per definire te e il tuo valore.

Il fallimento serve ad aiutarti a comprendere dove hai sbagliato e quali correttivi devi adottare.

4. Trasforma i tuoi fallimenti in obiettivi.

Invece di affermare “Ho fallito nel mio matrimonio” puoi dire “Ho avuto difficoltà a comunicare nel mio matrimonio e ora sto imparando a comunicare meglio”.

La prima affermazione è ancorata nel passato e non lascia spazio ad alcun miglioramento, mentre la seconda è proiettata al futuro, si focalizza su ciò che ora è sotto il tuo controllo e fa tesoro delle esperienze del passato.

5. Regalati un abbraccio.

Invece di lasciare che il tuo critico interiore abbia il sopravvento, che ne dici di coccolarti un po’ e darti un abbraccio?

6. Cambia la tua mentalità da vittima ad artefice del tuo futuro.

Quando ti senti un fallito, ti vedi vittima del passato invece di concentrarti sulla tua capacità di recupero nel presente e proiettarti verso un futuro più luminoso.

Dopotutto, non è il numero di volte in cui siamo sconfitti che conta.

Ciò che conta, dopo ogni caduta, è sapersi rialzare, scrollarsi la polvere di dosso e ripartire con rinnovato entusiasmo.

7. Diventa più consapevole.

La consapevolezza non consiste soltanto nel meditare o nel respirare profondamente e in silenzio.

Essere consapevoli significa principalmente rimanere pienamente nel presente nelle nostre azioni quotidiane qualunque cosa facciamo.

Quando siamo consapevoli, rimaniamo radicati nel presente invece di guardare indietro ai nostri passi falsi o essere ansiosi per il futuro.

8. Connettiti con gli altri.

Quando le persone sentono di aver fallito, troppo spesso si isolano, chiudendosi invece di aprirsi agli altri.

Cercare il supporto delle persone intorno a te è una delle migliori scelte che puoi fare quando sperimenti un fallimento.

Ottenere la prospettiva di un’altra persona ti aiuterà ad uscire dal tunnel nero della tua visione negativa e pessimista.

via ViviZen

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER