Curiosità

8 cose che dovete sapere se amate una persona molto emotiva

Non sempre una spiccata sensibilità tipica delle persone emotive viene considerata una caratteristica positiva, dato che erroneamente viene associata ad una maggiore fragilità, debolezza. Certo, la persona emotiva, a prescindere dal sesso, può piangere di fronte ad un film, avere magari problemi di ansia, ma non significa che sia qualcosa di invalidante.

Una persona emotiva non è solo lacrime e sentimenti contrastanti, è una persona con una spiccata empatia! Agisce in un certo modo e ha un approccio completamente diverso all’ambiente circostante ma non è detto che sia un male.

La persona emotiva ha qualcosa dentro, i suoi occhi hanno una luce diversa. Quando si emoziona, si vede: davanti a un racconto, davanti a una storia, di fronte a un tramonto, non è indifferente, se capita, lascia trasparire la “lacrimuccia” perchè sà che non c’è nulla di male a emozionarsi davanti allo spettacolo della vita.

Cosa differenzia la persona emotiva dagli altri?

Si lascia influenzare (troppo) facilmente da ciò che le circonda

I rumori troppo forti, le decisioni importanti e le grandi folle possono destabilizzare chi è emotivo, costringendolo/a a prendersi un momento di riflessione per ritrovare il giusto equilibrio e questo succede perché ha una reazione emotiva particolarmente forte.

Tende ad analizzare ogni cosa nei minimi particolari

Esamina ciò che lo circonda e gli eventi delle sua vita basandosi sulle emozioni. Se una circostanza è particolarmente coinvolgente, la “sentirà” in maniera più forte.

Nota ogni dettaglio

Siete particolarmente preoccupati? Avete litigato con il partner? La persona emotiva, riesce a percepire anche i cambiamenti più sottili, che si tratti di una caratteristica fisica o di un certo stato emotivo.

Di solito, nota comportamenti insoliti che gli altri non percepiscono

Se, ad esempio, vi esprimete in modo diverso o scrivete un messaggio stranamente piccato (pensate anche alle virgole o ai punti esclamativi), lo noterà quasi sicuramente.

Vive le relazioni intensamente

La persona emotiva è sempre in cerca di un legame profondo. Nella relazione, può annoiarsi più in fretta se viene mancare quello scambio intenso che c’è all’inizio di ogni relazione. Tuttavia non c’è da allarmarsi, la “noia” non porta la persona emotiva ad allontanarsi ma la rende più incline a cercare nuovi stimoli nel rapporto.

Per avere una relazione duratura, una persona emotiva deve poter comunicare chiaramente i propri desideri e trovare un partner che capisca che l’emotività fa parte della sua natura. Non sa fare a meno di esprimere ciò che sente, in pratica, mostra la sua collera così come la sua felicità. Comprendere questa caratteristica è fondamentale.

A volte preferisce stare da solo/a

La persona emotiva riesce a dare il meglio in ambienti molto tranquilli, soprattutto sul luogo di lavoro: gli spazi condivisi non sono il massimo. La tendenza ad agire sempre in solitaria non riguarda solo l’ambiente lavorativo. Spesso evita gli sport di gruppo o le attività fisiche perché crede che ogni suo movimento venga osservato.

Potrebbe essere più sensibile alla caffeina o all’alcol

Non succede sempre, ma secondo alcune ricerche scientifiche, i soggetti emotivi possono avere una reazione fisica più forte dopo l’assunzione di stimolanti come caffeina o alcol. Inoltre, quando sono affamati tendono ad essere maggiormente nervosi.

I contrasti generano ansia

Il conflitto mette l’individuo emotivo in una posizione scomoda. Di solito, adotta due approcci differenti, spesso in contraddizione tra di loro. “E’ combattuto/a tra due scelte: esprimere ciò che sente o tirarsi indietro perché non vuole suscitare una reazione violenta negli altri. Diventa inoltre piuttosto ansioso/a nei contesti in cui la sua sensibilità (o un’altra caratteristica) viene giudicata.

D’altra parte, riesce a gestire meglio i dissapori. Grazie alla sua capacità di empatia sa mettersi nei panni dell’altra persona e capire il punto di vista altrui.

Alla fine quello che conta davvero è accettare la propria sensibilità, non combatterla. Il messaggio Continuate a vivere le vostre emozioni, anche quando state per scoppiare a piangere.

psicoadvisor.com

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Privacy Policy Cookie Policy