Nel 2016 i ricercatori hanno scoperto che la forma di un leggero fotone somigliava all’antica croce solare mesopotamica.

Alcuni anni prima gli scienziati hanno introdotto la teoria dell’Amplituhedro. Se duplichiamo e ruotiamo un Amplituedro forma una Merkabah e/o l’ombra di una Merkabah a forma una croce maltese, che è la forma di un fotone leggero.

Per secoli l’umanità ha cercato il senso della vita e il nostro posto nell’universo, chiedendosi se siamo soli nell’universo.

Tuttavia, per capire dove ci troviamo nell’universo, dobbiamo imparare ciò che rappresenta spazio e tempo.

Queste sono state alcune delle più grandi difficoltà per gli esperti che hanno tentato di scoprire per decenni i segreti dell’universo.

Negli ultimi due anni, gli astronomi hanno compiuto grandi progressi nel comprendere dove noi-Terra, il nostro sistema solare e persino la nostra galassia-si trovano nell’universo.

Non molto tempo fa gli astronomi trovarono parte di una grande strada intergalattica che fa parte di una umiliante SUPER-STRUTTURA interconnessa da oltre 800 galassie.

Come mai prima, la razza umana è riuscita a sbirciare nel nostro quartiere cosmico e capire quanto sia grande lo spazio intorno a noi.

La nostra galassia non è sola, siamo parte di milioni – se non di miliardi di galassie nell’universo.

Ma nonostante il fatto che ci siamo avvicinati per capire dove ci troviamo nell’universo, gli esperti non sono stati capaci di capire cosa sembra l’universo.

Nel 2016 Radek Chrapkiewicz trovò la forma di un fotone chiaro in modo assurdo simile alla cosiddetta antica croce maltese. Tre anni prima, nel 2013, Nima Arkani-Hamed e Jaroslav Trnka calcolarono che la forma del nostro universo era un amplituedro, una struttura geometrica che permette un calcolo semplificato delle interazioni di particelle in alcune teorie del campo quantico.

La teoria dell’Amplituedro rivoluzionò molti modi scientifici. La teoria sfida l’idea che la località spaziale e la unitarietà siano componenti necessarie di un modello di interazioni di particelle e invece vengono presentate come proprietà che emergono da un fenomeno sottostante.

È interessante notare che se duplichiamo e ruotiamo un Amplituedro forma una Merkabah e l’ombra di una Merkabah forma una croce maltese, la forma di un fotone chiaro.

Curiosamente, “Mer” a Merkabah significa luce.

E guarda caso, una strana coincidenza, la Chiesa della Cattedrale di S. Maria in Etiopia ha un dipinto di croce maltese all’interno di una Merkabah.

Se andiamo a ritroso nella storia troveremo di come la croce maltese era di grande importanza. Infatti, l’ordine militare cattolico conosciuto come i cavalieri Templari indossava la croce maltese come simbolo sacro intorno al 1119 fino al 1312 d.C.

Centinaia di anni dopo, il simbolo è ancora usato dalla Chiesa cattolica, e anche i Frammassoni hanno usato simboli simili a quelli dei Cavalieri Templari.

Le cose sono particolarmente interessanti quando si guarda l’antica Mesopotamia. Qui, migliaia di anni fa, è stato usato un simbolo simile alla croce maltese e chiamato “la croce solare”.

La storia dietro la croce maltese, che è in realtà la forma di un fotone leggero, è affascinante.

Sono tutte queste coincidenze casuali? O è possibile che migliaia di anni fa, le antiche culture conoscessero la forma esatta della “luce” e della forma dell’universo?

a cura di Hackthematrix

tratto da Ancient-Code