, ,

Ecco dove sono i 7 CENTRI ENERGETICI ed EMOZIONALI nel CORPO

loading...

Molto spesso ci capita di provare delle sensazioni nel corpo, ma non riusciamo a dargli con precisione una causa. Allora ci interroghiamo e non sempre troviamo la risposta. Di solito ci si rivolge ad un medico che ci possa aiutare a fare chiarezza, può succedere che siano le risposte del nostro corpo causati da eccessivi sforzi fisici oppure un disturbo causato da qualcosa che abbiamo mangiato, ma lacausa principale arriva dal nostro stato d’animo e dalle nostre emozioni che vengono tradotte in sintomatologia fisica.

Noi siamo energia, questa non è solo una supposizione spirituale,  ma ormai è stato provato anche dalla fisica quantistica. Sono gli impulsi elettrici che regolano il nostro corpo e che lo attraversano donando energia che fluisce.

Questa è la premessa della teoria dei meridiani e dell’agopuntura su cui è basata la tradizione orientale. Quindi, se siamo fatti di energia e abbiamo la necessità che questa fluisca regolarmente nel nostro corpo, per mantenere la nostra salute è possibile anche che possano crearsi dei blocchi, che danno luogo ai sintomi fisici.

Ecco come l’energia, le esperienze, le emozioni e le credenze possono essere assorbite all’interno del corpo. Per quanto ci possa sembrare strano si tratta di un concetto davvero molto semplice, non appena comprendiamo che i nostri pensieri, il nostro corpo, le emozioni e i sentimenti sono tutti connessi all’energia. Per questo motivo risulta molto utile prestare attenzione a quella che potrebbe essere l’origine di un disturbo. Impariamo ad esplorare le nostre emozioni e andare a fondo, così potremmo risolverle.

– Area della Gola

Problemi ad esprimersi, mancanza di fiducia, incapacità ad esprimere i propri sentimenti, mancanza di nutrimento.

– Area del Carico (spalle)

Oneri e responsabilità, portare pesi troppo pesanti, sensazione di avere il peso del mondo sulle spalle.

– Centro del Cuore

Dolore e tristezza, vuoto nel cuore, mancanza di amore solitudine, disillusione, senso di impotenza, imbarazzo, vergogna, umiliazione, sentimenti repressi, delusione, memorie ataviche o genetiche, crudeltà, miseria.

Centro della Paura (torace)

Paure e fobia, perdita di controllo, paura di perdere il controllo, cessione del proprio potere a terzi,relazioni.

Centro della Rabbia (fegato)

Rabbia e collera, rabbia verso altri, rabbia verso sé stessi, gelosia, risentimento.

Centro della Vergogna (milza)

Vergogna e sensi di colpa, non accettazione, autocritica, sensazione di non meritare nulla di positivo, incapacità di accettare e ricevere.

loading...

Centro del Passato (intestino,stomaco, apparato digerente)

Problemi sessuali e familiari, condizionamenti infantili, violazione del corpo o dello spazio personale, qualcosa che abbiamo subito, qualcosa che ci è stato sottratto senza permesso, molestie, abuso, stupro, impotenza, frigidità.

Area del Supporto (a destra)

Mancanza di supporto finanziario

Area del Supporto (a sinistra)

Mancanza di supporto emotivo

Centro della Sopravvivenza (apparato genitale)

Paura di non farcela, violazioni relative alla sopravvivenza (incidente, abuso, violenza, stupro), impotenza e frigidità, primo anno di vita.

Centro del Rifiuto (lato bacino dx)

Abbandono, critica, giudizio da parte degli altri, rifiuto di sé stessi, abbandono, pena nel cuore.

Centro del Tradimento (lato bacino sx)

tradimento da parte di qualcuno in cui si riponeva fiducia
auto-tradimento

Quando ci capiterà di avere un dolore in un’area particolare, possiamo ritagliarci un momento perriflettere su una possibile correlazione interiore che lo abbia scatenato. Ovvio è che nel momento in cui il disturbo persista, si consiglia di rivolgersi ad un professionista per poter capire anche la componente fisica, ma non c’è alcun dubbio che il lato emotivo e spirituale della nostra salute ha la sua importanza. Viene dimenticato solo quando si sceglie di evitare qualsiasi tipo di sviluppo personale, per far si che si favorisca una soluzione più rapida.
Continuando a mantenere un approccio semplice, è possibile domandarsi che cosa proviamo in un’area specifica del corpo. La prima cosa che dobbiamo fare è quella di evitare qualsiasi paura e limite si possa avere nell’andare a fondo di un sentimento; in seguito, cerchiamo di mantenerci aperti e onesti con noi stessi. Magari ci può aiutare consultarci con qualcuno che sia in grado di osservare tutto con maggiore obiettività. Allo stesso modo, è importante essere noi stessi senza indossare nessunamaschera.

Quando cominciamo ad analizzare una sensazione che proviamo in una specifica area del corpo, proviamo a chiderci come è iniziata, perché la percepiamo e infine accettarla per quello che è. Dopo aver accettato quel sentimento, dobbiamo essere consapevoli del fatto che essa stessa fa parte di una esperienza attraverso la quale possiamo crescere e che ci offre finalmente l’opportunità di andare oltre.

Una volta che diveniamo consapevoli dell’origine di una sensazione, abbiamo già compiuto un grande passo in avanti. Il problema scemerà e potremo scegliere come osservare  e affrontare, quello che ha provocato quel blocco.

Ricordiamoci che il nostro corpo può essere un ottimo strumento per mostrarci quello che stiamo trattenendo a livello emotivo, energetico e spirituale. Con una mente aperta, onestà verso noi stessi e riflessione, è possibile arrivare all’origine del problema, scioglierlo e lasciarselo dietro di sè.

Fonte

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Il dualismo Cartesiano, la separazione tra la mente e il corpo – la palla al piede dell’umanità!

Ighina, l’uomo che poteva porre fine alla siccità nel mondo!