Medicina Psicologia

I 7 tipi di emozioni che influenzano gli organi interni

Le cause di molte malattie sono più profonde di quanto pensiamo perché dipendono fortemente da noi stessi. Il nostro ego è associato a emozioni negative come la paura, l’invidia, l’odio, l’orgoglio, la menzogna e l’avidità. Molto spesso dopo il rilascio di tali emozioni, c’è una sensazione di vuoto interiore e stanchezza. Ma se non rimuoviamo le emozioni negative, si sistemeranno e letteralmente inizieranno a “mangiare” il corpo dall’interno.

 

Cosa dovremmo fare in quel caso? La risposta è molto semplice.

Dobbiamo seguire le norme stabilite dalle relazioni interpersonali, essere altruisti e rispettare i valori morali.

Come puoi vedere, la sua prima regola è evitare forti emozioni. Nella medicina tradizionale cinese c’è la nozione di “sette sentimenti” e questo include i sette tipi di emozioni: gioia, rabbia, tristezza, preoccupazione, fastidio, paura e shock. In condizioni normali quando la loro intensità è moderata, molto spesso non causano alcuna malattia. Tuttavia, l’ansia psicologica di vecchia data e traumi psicologici inattesi possono portare a un’interruzione del normale corso di energia nel corpo.

Di conseguenza, c’è impotenza, che i medici orientali chiamano “lesioni interne”. Sono direttamente collegati agli organi interni e causano il caos nella circolazione energetica. Naturalmente, l’intensità delle emozioni è diversa in ogni persona, ma è stato scoperto che le persone che sono naturalmente aggressive, arrabbiate e nervose hanno maggiori probabilità di ammalarsi.

Come le emozioni influenzano gli organi interni

Rabbia. 

La rabbia fa male al fegato. Quando una persona si arrabbia, il fegato è appesantito. Aumenta l’energia che porta a disturbi visivi e mal di testa o vertigini. Le persone che spesso sperimentano attacchi di rabbia hanno predisposizione alle malattie cardiache.

Depressione. 

La depressione ha un impatto negativo sui polmoni, causando a molti detenuti il ??contratto di tubercolosi. Tristezza e lutto eccessivi portano a una volontà ridotta per la vita e quindi riducono anche l’energia dei polmoni.

Ansia. 

L’ansia danneggia la milza. Quando si pensa troppo alle cose cattive e ci si preoccupa troppo, soffrono la milza e lo stomaco. L’energia è ferma e porta al peggioramento del sistema digestivo e linfatico.

Paura. 

La paura danneggia i reni. La paura riduce l’energia, che riduce a sua volta la capacità di trattenere l’urina e le feci.

Shock. 

Uno shock inaspettato porta irrequietezza emotiva e confusione. Sia il cuore che lo spirito soffrono.

Poiché i nostri organi vitali sono legati al mondo spirituale, l’obiettivo è ristabilire la connessione tra forza fisica e spirituale. Quando qualsiasi parte del corpo non riceve abbastanza energia, le sue condizioni fisiche si deteriorano. Gli stati emotivi negativi sono quelli che compromettono la normale funzione degli organi interni.

via EmozioniFeed

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER