,

Il vero “Salto” che dobbiamo compiere

Quando si pensa al risveglio, a quel processo che ormai sta prendendo moltissime persone, che si rendono conto che il mondo non è come ci pareva, e che ci dicono un sacco di bugie, si pensa ad un passaggio di una barriera, di uno spartiacque che in qualche modo divide quelli che “hanno capito”, da quelli che “ancora dormono”.

A questo riguardo, ho avuto il piacere di assistere di persona ad una presentazione del Dr. Fausto Carotenuto, che avevo già sentito dal web e devo dire che mi è piaciuta moltissimo. Il suo discorso fila liscio, va dritto al cuore, scioglie i nodi e dà spunti importanti di riflessione. Voglio solo citarne uno che mi ha particolarmente colpito, anche perché, come complottista “doc” mi sono sentito coinvolto e, manco a dirlo, sottoscrivo al 100% il suo pensiero.

Parlavamo quindi di quello spartiacque che in qualche modo divide quelli che “hanno capito”, da quelli che “ancora dormono”. Ad esempio, fra quelli che hanno capito come funziona il denaro e quelli che ancora non lo sanno; fra quelli che hanno capito come funziona la medicina e il nostro corpo, e quelli che ancora si occupano di combattere le malattie come aggressori esterni, e così via.

Parliamo di quello spartiacque che in qualche modo divide quelli che “hanno capito“, da quelli che “ancora dormono“. Ad esempio, fra quelli che hanno capito come funziona il denaro e quelli che ancora non lo sanno; fra quelli che hanno capito come funziona la medicina e il nostro corpo, e quelli che ancora si occupano di combattere le malattie come aggressori esterni, e così via. Esiste però un altro tipo di crescita, di salto quantico da fare che è ancora più importante. Quando si capisce profondamente lo scopo della nostra vita, e il motivo per cui siamo a questo mondo, ci si rende conto che l’unica cosa che conta veramente è l’Amore: la nostra capacità cioè di operare per il bene degli altri, uscendo da un atteggiamento predatorio, egoico, che caratterizza, se vogliamo, il bambino, incentrato solo su sé stesso e sui propri bisogni, per arrivare a quello adulto, del genitore, che sa sacrificarsi e trova maggior gioia nel dare ed occuparsi degli altri. Il vero spartiacque allora può essere questo:

Esiste però un altro tipo di crescita, di salto quantico da fare che è ancora più importante. Quando si capisce profondamente lo scopo della nostra vita, e il motivo per cui siamo a questo mondo, ci si rende conto che l’unica cosa che conta veramente è l’Amore: la nostra capacità cioè di operare per il bene degli altri, uscendo da un atteggiamento predatorio, egoico, che caratterizza, se vogliamo, il bambino, incentrato solo su sé stesso e sui propri bisogni, per arrivare a quello adulto, del genitore, che sa sacrificarsi e trova maggior gioia nel dare ed occuparsi degli altriLa combinazione di questi due schemi ne suggerisce un terzo, molto interessante ed esemplificativo di dove ci si può collocare, a seconda del proprio livello di maturazione e di presa di coscienza, che indico sotto.

loading...

Nel quadro A staranno, idealmente, le persone che non si sono ancora risvegliate e che si occupano principalmente del proprio io, cercando di curare i propri bisogni ed interpretando il passaggio su questa terra come unicamente, o principalmente, un’occasione per depredare e per “portare a casa” il massimo dell’utile, o del piacere, o dei soldi... tutto per sé stessi insomma. Nel quadro “B” troveremo quelli che, invece, si sono resi conto del grande imbroglio, delle menzogne che ci sono state raccontate nei vari campi, allo scopo di tenerci nella paura: un primo passo verso la libertà. Ma è il riquadro C che rappresenta il vero punto di arrivo: perché, se non si riesce ad uscire da un’ottica di divisione e di contrapposizione, aver scoperto tutte le malefatte di questo mondo non ci serve a nulla. Al limite, tanto meglio era stare nel quadro D, dove la crescita spirituale porta ad amare e a condividere, anche senza aver compiuto nessun tipo di risveglio. Nel quadro A staranno, idealmente, le persone che non si sono ancora risvegliate e che si occupano principalmente del proprio iocercando di curare i propri bisogni ed interpretando il passaggio su questa terra come unicamente, o principalmente, un’occasione per depredare e per “portare a casa” il massimo dell’utile, o del piacere, o dei soldi… tutto per se stessi insomma. Nel quadro “B” troveremo quelli che, invece, si sono resi conto del grande imbroglio, delle menzogne che ci sono state raccontate nei vari campi, allo scopo di tenerci nella paura: un primo passo verso la libertà.

Ma è il riquadro C che rappresenta il vero punto di arrivo: perché, se non si riesce ad uscire da un’ottica di divisione e di contrapposizione, aver scoperto tutte le malefatte di questo mondo non ci serve a nulla. Al limite, tanto meglio era stare nel quadro D, dove la crescita spirituale porta ad amare e a condividere, anche senza aver compiuto nessun tipo di risveglio.

Avendo in mente questa semplice schematizzazione, è forse più facile comprendere il comportamento dei poteri occulti. Ai poteri occulti può dare fastidio che le persone si risveglino (passaggio da A > B), perché si accorgerebbe che il sistema è alimentato ad arte per tenerle prigioniere. Ma ancora più fastidio dà il passaggio da B > C! Per questo, in alcuni casi, alcune notizie possono essere lasciate trapelare appositamenteanche se apparentemente sarebbero contrarie agli interessi dei poteri forti: perché se, da una parte, svelano qualche malefatta, dall’altra possono essere strumentali a ravvivare sentimenti di odio, rancore, rabbia, divisione, che impediscono alla gente di maturare e crescere spiritualmente.

Per questo un comico che aizza e invita al “vaffa day” può essere strumentale ai poteri forti che opprimono: perché, pur nella finzione di stare dalla parte degli oppressi, in realtà fa gli interessi di chi vuole impedire questo risveglio spirituale, che renderebbe le persone veramente libere e non più manipolabili. Perché non c’è nessuno meno controllabile e più libero di chi ha un “gancio” in Cielo, e sta due spanne sopra alle miserie di questo mondo, grazie alla propria prospettiva eterna. Molto meglio, per chi ambisce al controllo delle masse, avere degli “utili idioti” arrabbiati e non evoluti spiritualmente, più facili da abbindolare!

Ricordo un mio senso di frustrazione quando, appena pubblicato il libro “Ingannati” ricevevo moltissimi feedback di persone che, insieme ai complimenti, lasciavano trasparire una grande rabbia, un odio che erano esattamente il contrario di quello che volevo ottenere. Da cui poi l’addendum “Papillon: manuale di fuga fai-da-te” che ho inserito alla fine del libro. Perché se il risveglio doveva essere solo l’interruttore di una rabbia, allora lo scopo era completamente perso. Lo scopo era uscire da una sorta di falsa “comfort zone” per andare in un’altra, di vero comfort, senza più odio, rabbia e divisione. Ma non l’avevo mai trovato spiegato così bene come da Carotenuto. Adesso spero sia tutto molto più chiaro.

Per chi è interessato ecco una conferenza di Fausto Carotenuto:

Articolo di Alberto Medici

Fonte: https://www.ingannati.it/2017/05/07/fausto-carotenuto-vero-salto-dobbiamo-compiere/

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

7 Cose da Sapere sulle PIASTRE DI TESLA per non Fare Confusione

Una vita senza immaginazione… ovvero la Matrix