Curiosità

Innamorati quando sei pronto, non quando sei bisognoso d’amore

Qualcuno che conosce il valore di una buona conversazione, a cui piace leggere e vuole essere al tuo fianco.

Nella sua origine semantica, la parola passione rappresenta la sofferenza. Pathos, dal greco e passio, dal latino, significa tortura. In pratica, il sentimento riesce ad essere più crudele di questa definizione.

L’atto di innamorarsi può essere una delle esperienze più incredibili vissute dall’essere umano, se la fine è felice, naturalmente. Sentiamo una sensazione unica, la felicità è piena, il mondo diventa il luogo più perfetto e tutto sembra realizzabile.

Al raggiungimento di questo stato, la persona più sensibile perde la ragione e lascia che la sensazione prenda le redini delle situazioni.

“Non c’è differenza tra un saggio e uno sciocco quando sono innamorati. (George Bernard Shaw)

Chi è profondamente innamorato conosce il pericolo di vivere il sentimento. Siamo nostalgici, vulnerabili, esposti e sensibili. Perdiamo il senso comune dell’azione, non ci preoccupiamo delle conseguenze e siamo alla deriva nelle decisioni degli altri:

“Mostrami un uomo che non è schiavo delle sue passioni”. (Shakespeare).

Tuttavia, quando tutto il fuoco si spegne, il lato negativo della passione appare quando, alla fine del fascino, c’è solo la sensazione di un sentimento che è immutabile ed estenuante. Drummond in “Disturbance” ha scritto: quando sono innamorato, così fuori di me vivo, non so nemmeno se sono vivo o morto, quando sono innamorato.

L’arte imita la vita. E in letteratura le passioni non sarebbero presentate in modo diverso. Romeo e Giulietta, Tristano e Isotta, Cleopatra e Marco Antonio, Paride ed Elena di Troia, Anna Karenina e Vronskij, Victor Hugo e Juliette Drouet, Ana de Assis e Dilermano sono esempi di personaggi che, spinti dall’infatuazione, non hanno misurata le conseguenze per stare insieme. Le storie d’amore che conosci, i tragici finali.

Innamorarsi è un vero paradosso. C’è chi difende il sentimento e c’è chi lo confronta con un dato veleno in dosi omeopatiche.

Graciliano Ramos, ad esempio, considerava la passione una necessità vitale:

“Sono troppo commosso dalla natura e dalla professione. Trovo orribile vivere senza passione.”

Per Oscar Wilde, essere innamorati è disegnare un percorso di errori:

“Quando qualcuno è innamorato, iniziano ingannando sé stessi e ingannando gli altri. È quello che il mondo chiama romanticismo” (Oscar Wilde).

Voltaire ha difeso la sensazione come la base della vita, per lui la passione rappresentava l’equilibrio tra il bene e il male:

“La passione è una moltitudine di illusioni che serve come un antidolorifico per l’anima. Le passioni sono come tempeste che riempiono le vele delle navi facendole navigare; altre volte possono farle affondare, ma se non lo fossero non sarebbero viaggi, avventure, nuove scoperte.”

Ad ogni modo, dato che non hanno ancora inventato un giubbotto anti-passionale, ti suggerisco di scegliere le tue passioni con le dita. Innamorati di qualcuno diverso. Qualcuno che torna a riconciliarsi dopo un combattimento, indipendentemente da chi ha ragione. Qualcuno che conosce il valore di una buona conversazione, a cui piace leggere e vuole essere al tuo fianco.

E come ha detto Rachel Lindsay:

“Impara ad amare i difetti e ad innamorarti delle qualità”.

via EmozioniFeed

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER