,

La pratica per espandere la tua coscienza e armonizzare il tuo cervello

Il cervello e la coscienza sono indissolubilmente legati, nel senso che se uno di questi si sposta produce il medesimo spostamento dell’altro. Ciò significa che il cervello è semplicemente un organo che si interfaccia con la mente e la realtà fisica.

Il cervello permette alla mente di controllare e passare attraverso il corpo, ma la mente esiste indipendentemente dal cervello come un campo energetico, che è il motivo per cui gli scienziati non sono mai stati in grado di individuare la coscienza a qualsiasi parte specifica del cervello o al cervello in sé, perché non sorge da ques’ultimo. Metaforicamente parlando, il cervello è semplicemente uno strumento che la mente utilizza per interfacciarsi con l’esperienza e la realtà fisica.

Il cervello è l’organo principale attraverso il quale la coscienza sperimenta la realtà e la sua salute. Il funzionamento colpisce la nostra esperienza di coscienza in modo significativo. Se il nostro cervello è denutrito, carente di nutrienti, stressato in modelli di onde cerebrali caotiche, la nostra esperienza di coscienza in forma fisica (la realtà) sarà diminuita, il che significa che saremo portati a sperimentare più stress, depressione, ansia, paura, frustrazione, nuvolosità mentale e così via con una diminuzione notevole del funzionamento mentale intuitivo-transpersonale, in altre parole, una chiusura verso il basso delle nostre capacità intuitive e minore consapevolezza spirituale.

D’altra parte, se il nostro cervello è nutrito e rilassato con i due emisferi che operano in sintonia e armonia, la nostra esperienza della realtà sarà esponenzialmente migliorata. Troveremo noi stessi vivendo con più ispirazione, con creatività, intuizione, felicità, chiarezza, pace, gioia e altri stati emotivi positivi. Ci sono molti fattori che influenzano la salute del nostro cervello, il suo funzionamento e quindi la nostra espressione della coscienza, compresa la nostra psicodinamicità più profonda, la nostra dieta e nutrizione, il livello di tossicità da inquinanti ambientali.

Onde cerebrali e Coscienza

Ma cosa sono le onde cerebrali e perché ci si dovrebbe preoccupare per loro?  Ecco una breve panoramica dei diversi stati delle onde cerebrali e della loro corrispondenza con la tua coscienza ed esperienza di vita. In seguito ci immergeremo in sei pratiche potenti al fine di espandere la tua coscienza ed armonizzare le funzioni cerebrali.

Il cervello opera in gran parte attraverso segnali elettrici inviati da circa 100 miliardi di neuroni (cellule nervose) sparsi nelle diverse regioni. I segnali tra questi neuroni avviene rapidamente e crea ritmi ondulatori di attivazione e di riposo, che possono essere misurati con dei macchinari molto sensibili. La velocità con cui il fuoco dei neuroni genera la sincronia varia la frequenza delle onde, che gli scienziati hanno mappato, classificandoli e correlandoli ai diversi stati di coscienza come segue:

Gamma Waves: 27 Hz

Le onde gamma sono associate a stati espansi di coscienza, intuizione, creatività accresciuta, attivazione della ghiandola pineale, sentimenti di pace, di gioia e unicità, una maggiore chiarezza mentale e messa a fuoco, la formazione di idee, di lingua e di elaborazione della memoria, e vari tipi di apprendimento. Le onde gamma sono state identificate come una caratteristica modello di onde cerebrali di meditatori regolari e monaci e sono presenti quando sogniamo, anche se possono sorgere anche in normale coscienza di veglia.

Onde Beta: 12 Hz – 27 Hz

Stato di veglia. Questo è il predominante stato mentale in cui si trova la maggior parte delle persone, in particolare durante il giorno. Anche se questa condizione tende ad essere “tranquilla”, non bisogna sottovalutare la sua importanza. Molte persone che non hanno un’attività beta sufficiente, corrono il rischio di sintomi e di disturbi mentali o emotivi come ad esempio la depressione o altre sintomatologie. (una bassa presenza di onde beta a 12-15 Hz) possono essere correlate all’insonnia. Stimolando l’attività beta possiamo migliorare la stabilità emotiva, i livelli di energia, l’attenzione e la concentrazione in determinate situazioni, tuttavia, la maggior parte delle persone nota più beneficio a spostare le loro onde cerebrali in altri stati meno frequentemente sperimentati.

Onde alfa: 8 Hz – 12 Hz

Stato di veglia ma rilassato con assenza dell”elaborazione di molte informazioni. In genere si è in questo stato quando ci alziamo la mattina e appena prima di addormentarci. Quando chiudiamo gli occhi il nostro cervello si avvia automaticamente e produce più onde alfa. Molti studi che monitorano l’attività EEG dei meditatori esperti hanno rivelato forti aumenti dell’attività di onde alfa. L’attività alfa è stata anche collegata alla capacità di ricordare il disagio e il dolore, portandoli alla luce con minore stress.

Onde Theta: 3 Hz – 8 Hz

Sonno leggero o estremo relax. Theta è anche uno stato mentale molto ricettivo che si è dimostrato utile per l’ipnoterapia, così come l’auto-ipnosi con affermazioni e suggerimenti registrati. Le onde theta sono state correlate con raffiche di ispirazione, creatività e visualizzazioni vivaci.

Delta Waves: 0,2 Hz – 3 Hz

Sonno profondo e senza sogni. Delta è la banda più lenta delle onde cerebrali. Quando le nostre onde cerebrali sono dominante da quelle delta, il nostro corpo è in una sorta di autoguarigione e “reset”, che vengono regolati dai suoi orologi interni. Non si sogna in questo stato e si è completamente incoscienti. Le onde delta sono anche associate con stati molto profondi di meditazione, guarigione e ringiovanimento del cervello e del corpo, che è correlato alla Fase 4 REM del sonno, dove le delta sono più frequentemente vissute.

Chiaramente ci sono grandi benefici se si spostano le onde cerebrali in stati altamente specifici, permettendo alla nostra coscienza di sperimentare la realtà attraverso diversi “obiettivi” che ci aiutano a focalizzarci maggiormente ed ad avere una profonda guarigione interiore ed esteriore.

meditazione1

Ecco la pratica per spostare lo stato di onde cerebrali
Questo esercizio ha dimostrato di spostare modelli di onde cerebrali e migliorare la comunicazione trans-emisferica nel cervello, permettendo un’esperienza estesa di coscienza.

Meditazione profonda: respirazione ritmica

La meditazione è uno dei modi più semplici e veloci per alterare lo stato di onde cerebrali,  più a lungo e spesso meditiamo, più riusciamo a cambiare la frequenza delle nostre onde celebrali. I meditatori regolari tendono a sperimentare un semi-permanente di spostamento dello spettro delle onde cerebrali permanenti verso gamma, alfa e theta in quanto letteralmente ricondizionate dai loro percorsi neurali.

Il modo migliore per farlo è attraverso la ‘Meditazione profonda e respirazione ritmica,’ anche se altre forme di meditazione sono certamente efficaci per il raggiungimento di tali obiettivi. Si tratta di una semplice pratica:

Trova una confortevole posizione seduta in cui la spina dorsale è il più diritta possibile, pur essendo rilassato e privo di tensione. Sentititi libero di utilizzare cuscini, sedie, pavimento, ecc quello che per te funziona. Le mani devono essere comodamente collocate in grembo o qualunque altra posizione che preferisci.
Una volta che hai una trovato una posizione di seduta comoda, chiudi gli occhi e prendi qualche respiro profondo attraverso il naso e portalo fuori attraverso la bocca per rilassarti ulteriormente. Ora poi iniziare il respiro Ujjayi, un’antica taoista forma yogica del respiro, che è descritta come segue:
Fai un’inspirazione che è leggermente più profonda rispetto al normale. Con la bocca chiusa, espira attraverso il naso mentre restringendo i muscoli della gola. Se si sta facendo correttamente, si dovrebbe suonare come “Darth Vader di Star Wars”. Alcuni paragonano anche questo suono al “canto” del mare.
Un altro modo per ottenere il buon risultato di questa pratica è quello di provare l’espirazione il suono “haaaaah” con la bocca aperta. Ora fai un suono simile con la bocca chiusa, sentendo il deflusso dell’aria attraverso le vie nasali. Una volta appreso questo sul deflusso, utilizza lo stesso metodo per il respiro di afflusso.
Continua ad utilizzare il respiro Ujjayi tutta la meditazione. Il respiro Ujjayi permette di rallentare e allungare il respiro in modo significativo rispetto ai metodi di respirazione normale.

Mantieni la consapevolezza sul tuo respiro per tutta la meditazione e con ogni respiro respira un po ‘di più l’aria e un po’ più in profondità. Con ogni respiro espira fuori un po ‘più lentamente e profondamente. Questa non è una gara, lascia che si svolga in modo naturale.
Continua a ripetere questo a tempo indeterminato. Un respiro singolo può finire nella durata di un minuto o più. Continua a respirare profondamente, troverai una squisita e straordinariamente piacevole lavare la pace sulla tua mente e corpo. Sentirai che il tuo cervello si muove in uno stato di profonda armonia e relax. Non è raro diventare molto ispirato e avere intuizioni flash nella vostra mente. Troverete il vostro stato d’animo elevato e molte onde esperienza di beatitudine. Tutti questi fenomeni e qualsiasi altra cosa si verifica sono in gran parte a causa delle tue onde cerebrali che si spostano in alfa, delta, theta e onde gamma.
Godrai dei postumi per ore e a volte anche giorni. Ripetilo ogni giorno per il massimo impatto e per averne effetti duraturi. Gli studi hanno trovato alterazioni misurabili in termini di dimensioni del cervello e marcatori genetici di riduzione dello stress in appena un paio di settimane.

via Anahera

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Il Ritalin causa gravi cambiamenti di chimica nel cervello e stimola comportamenti a rischio, anche suicidari

“Che cosa può schermarci dalla negatività?” ” Lo schermo migliore è un alto livello spirituale.”