Curiosità

La Teoria del Vampirismo Energetico

In ogni epoca, cultura e tradizione, sono stati descritti esseri assimilabili all’odierno concetto di vampiro, ma come spesso capita per le leggende o per le credenze popolari, anche il fenomeno del vampirismo cela in realtà una metafora.

I vampiri esistono (e vivono in mezzo a noi) ma non nella forma che ci è stata tramandata dalla fantasia per secoli. Essi si nutrono non di sangue ma dell’energia altrui. Questo fenomeno è stato recentemente classificato come “Vampirismo Energetico”. È vero, tuttavia, che esistono alcune patologie assimilabili al concetto classico di vampiro, come la “Sindrome di Renfield”, l’emofilia, ecc., ma si tratta di malattie che nulla hanno di misterioso o fantasioso. In questa sede ci occuperemo invece di vampirismo energetico.

Non so dire se i vampiri energetici nascano con questo “dono”, conferendo al fenomeno un’origine ereditaria, oppure lo acquisiscano in seguito ad eventi traumatici di tipo psicologico, ma certamente essi sono moltissimi e la loro percentuale sembra aumentare in contesti di disagio sociale.

Certamente molti avranno sentito parlare di “Aura”, ovvero una sorta di alone energetico che avvolge il corpo fisico delle persone: una teoria che ha ormai dei riscontri scientifici. In determinate condizioni, oppure attraverso mezzi tecnici come la “Camera Kirlian” è possibile individuare questa essenza energetica, rilevandone anche le diverse tonalità di colore, indispensabili per stabilire lo stato psico-fisico del soggetto. Esistono inoltre alcune persone sensitive in grado di leggere l’aura umana.

La teoria del vampirismo energetico deve quindi avvalersi dell’accettazione del concetto di Aura. Supponendo che ogni persona viva la propria esistenza quotidiana con questo “mantello” energetico connesso metafisicamente con il proprio corpo fisico, che cosa accade nel momento in cui due individui sono talmente vicini (entro i 50 cm) da permettere alle rispettive auree di toccarsi ed interagire tra loro?

Alcuni studiosi sostengono che è questo il preciso momento in cui avviene la “conoscenza reciproca”le due energie si fondono e si studiano a vicenda (vediamo questo fenomeno come una sorta di reazione chimica spontanea, piuttosto che come una comunicazione a livello intellettivo), determinando il grado di affinità reciproca. A questo punto forse incominciamo a capire perché certe persone ci risultano antipatiche “a pelle”, mentre con altre proviamo un istantaneo interesse, un “colpo di fulmine”, una simpatia?

Conoscenza reciproca delle aureeLa stessa tradizione popolare – guarda caso – parla di “anime gemelle” e non di “corpi gemelli”… La conoscenza, l’affinità o la repulsione tra esseri umani, potrebbero perciò determinarsi non solamente sul piano fisico, ma anche, e forse soprattutto, sul piano astrale o eterico. Chi non ha mai detto o pensato frasi come: “l’avevo detto io che quello/a non mi piaceva…”“qualcosa mi diceva di stare attento/a…”, oppure “mi è piaciuta/o sin dal primo momento…”.

Ma tutto questo che cosa ha a che vedere con i vampiri? Proviamo quindi a restare su un piano di reazioni chimiche e fisiche senza sconfinare nell’ambito spirituale. Continuiamo quindi a parlare di energie piuttosto che di “anima” o “entità spirituali”. Poniamo allora che esistano individui che abbiano sviluppato una capacità inconscia di “cibarsi” di questa energia altrui; persone la cui aura abbia acquisito una propria consapevolezza “magnetico-predatrice” che tenda ad attirare a sé il positivo o il negativo dell’altrui forma energetica, anche a distanze maggiori dei suddetti 50 cm, e quindi senza necessariamente sostenere un contatto.

Facciamo alcuni esempi:

Caso “A”: Assistiamo ad una conferenza o lezione e nonostante questa tratti un argomento di nostro interesse, ci sentiamo spossati a tal punto da manifestare uno stato di sonnolenza. Guardandoci attorno vediamo che quasi tutti gli intervenuti hanno gli stessi sintomi, tranne uno: il relatore di turno. Egli sembra anzi rinvigorire ad ogni sbadiglio degli astanti e se non intervenisse qualcuno (mostrandogli con discrezione l’orologio…), egli potrebbe proseguire all’infinito.

Caso “B”: Ogni volta che incontriamo la persona “X”, ci prende un senso di ansia e debolezza emotiva. Tutti ci conoscono come persone vivaci e comunicative ma, con quella presenza tendiamo ad ammutolirci ed a perdere sicurezza, quasi fossimo a disagio. Spesso queste sensazioni restano per ore se non per giorni. Mentre “X” sta benissimo ed anzi, preme affinché possa presto rivederci!

Caso “C”: Fenomeno inverso. È un periodo cupo, dove pensieri, preoccupazioni e tensioni ci sfiancano. Eppure, incontrando “Y” riusciamo ad estraniarci, vivendo momenti di spettacolare ripresa; torniamo a ridere, ci sentiamo bene con gli altri e con noi stessi. Insomma, una sensazione di ricarica…

Nei casi descritti, il relatore e la persona “X” potrebbero essere i nostri possibili “Vampiri Energetici”, mentre “Y” un possibile “dispensatore” (ovvero chi ha energia in eccesso ed emette l’esubero a favore degli altri). Attenzione però: se notiamo che “Y” si “ammoscia” col progredire della nostra ricarica, potremmo essere noi stessi i vampiri! Ecco dunque cos’è il vampiro energetico: un soggetto in grado di attaccare la sfera energetica di un altro a proprio favore. Ed essendo l’aura connessa al corpo fisico, tale “furto” viene percepito sia sul piano emotivo che su quello fisico.

Depressione e malattie, potrebbero nascere da questo fenomeno che la tradizione popolare ha da sempre classificato come “iettatura”, fattura, malocchio, ecc. I riti di maledizione praticati da certe maghe di oggi come di ieri, potrebbero essere dei metodi per controllare, manipolare e deprivare consciamente di energie vitali, una inconsapevole vittima.

L’iconografia vede da sempre il vampiro attaccare la propria preda al collo, cosa che si spiega con la presenza della vena giugulare. Ma se continuiamo a vedere il tutto sotto il profilo metaforico, potremmo osservare che nel collo, a livello della gola è situato il “quinto chakra” che è il punto energetico della comunicazione verbale ma anche metafisica; il collegamento dell’essere fisico con l’essere spirituale (energetico). È attraverso questa connessione che entriamo in simbiosi con l’energia universale; è per mezzo di questa che la nostra libertà ed autonomia di pensiero si traduce in concetti comprensibili agli altri. “Attaccare al collo” è quindi una metafora che indica l’attingere all’energia vitale di un altro individuo, rendendolo abulico e privo di vita, di energia.

Articolo di ANGEL HEART

Fonte: http://www.ilportaledelmistero.net/Vedetta/Cartiglio_AH_Vampirismo_Energetico.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Privacy Policy Cookie Policy