Dobbiamo avere ben chiaro che, quando si tratta di salvaguardare la nostra dignità e il nostro amor proprio, non possiamo accettare sgarri. Per questo motivo, diciamo che la vita non ci priva di alcune persone, ma ci allontana da quelle di cui non abbiamo bisogno.

I legami emotivi sono fondamentali, per questo è importante allontanare tutte le persone senza cuore che ledono la nostra autostima. Quando ce ne renderemo conto, un mondo nuovo si materializzerà di fronte ai nostri occhi e smetteremo di desiderare la presenza di coloro che non ci infondo altro che dubbi, malessere e demotivazione.

Ripagate con la vostra assenza chi ferisce la vostra presenza

Allontanatevi da chi non si fida di voi, unitevi a chi è presente, chi vi ama, chi vi supporta. Ripagate con la vostra assenza chi ferisce la vostra presenza e mostrate loro quanto valete.

Siete voi a decidere il vostro prezzo e le persone interessate ed egoiste non vedranno altro che quello. È importante restare vicini a quello che dà conforto e allontanarsi da chi fa volontariamente del male. Seguite questi consigli:

  • Allontanatevi da chi vi fa del male, da chi incupisce la vostra vita, da chi è ostile.
  • Allontanatevi da tutte le situazioni che non hanno rimedio, da quelle che vi sottraggono benessere.
  • Mettete distanza emotiva tra voi e il dolore, il rifiuto, il tradimento. Osservateli e imparate.
  • Gestite le vostre paure, controllate i vostri demoni.
  • Siate consapevoli che la sofferenza è una scelta.
  • Non truccate o anestetizzate la realtà dei legami emotivi negativi per paura di perdere.
  • Ricordate che le regole del gioco della vita le decidete voi

Il dolore che lascia il segno

Quando ci rompiamo in mille frammenti per mantenere gli altri interi, distruggiamo la nostra capacità di reazione. In altre parole, indeboliamo la determinazione emotiva che configura la nostra essenza. Questa disconnessione con noi stessi ha delle conseguenze nefaste per la nostra salute emotiva, perché ci isoliamo dalla realtà e svalutiamo i nostri desideri.

Tuttavia, va detta una cosa importante. Tutti possono essere persone tossiche in un certo momento della vita e in determinate relazioni, ma è facile vedere la pagliuzza nell’occhio altrui e non vedere la trave nel proprio.

Le cattive relazioni si basano su pilastri di questo tipo:

  • L’adozione di un ruolo da vittima.
  • La tirannia esigente e gelosa di chi crede di difendere la sua dignità, mentre sta solo ledendo quella degli altri.
  • La gelosia.
  • Le attenzioni smisurate.
  • La sottomissione.
  • Il dominio e l’aggressività.

L’auto-tossicità: lo squilibrio emotivo interiore

Il silenzioso deterioramento che si verifica quando proviamo a convincerci che tutto va bene o che l’attuale situazione si possa aggiustare è la prova evidente dell’auto-tossicità. Diventiamo tossici con noi stessi quando:

  • Ci sottomettiamo di fronte alle esigenze altrui.
  • Non assecondando i nostri desideri e, soccombendo alle richieste altrui, perdiamo la nostra essenza.
  • Diventiamo vittime croniche.
  • Disprezziamo i nostri pensieri, le nostre emozioni e i nostri successi.
  • Manteniamo un dialogo interiore dannoso per noi e per gli altri.
  • Non ci apprezziamo.
  • Smettiamo di guardarci dentro.

Prima di provare ad aggiustare il mondo, è essenziale dare una bella occhiata a casa nostra. Non possiamo risolvere nulla se prima non esaminiamo il nostro ruolo all’interno di una relazione tossica.

È meglio un’auto-critica al momento giusto, che una profonda ferita emotiva nel nostro cuore, causata dal nostro comportamento: non ci siamo fatti valere in tempo.

Non disperatevi e ricordate: anche se è molto difficile proteggersi dall’ipocrisia e dal tradimento di coloro che conoscete e anche se non è tutt’oro quel che luccica, potete sempre avere fede nel mondo.

Fonte : https://lamenteemeravigliosa.it/vita-toglie-persone-non-bisogno/

via Cammina nel Sole