Il cervello degli uomini e quello delle donne lavorano a un ritmo leggermente differente sotto il profilo dell’attività elettrica.

La conseguenza?

Il cervello femminile risulta più abile e capace nel riconoscere le emozioni (sia quelle positive che quello meno positive).

I ricercatori hanno scoperto la principale differenza nell’attività beta, una gamma di frequenze comprese tra 20 e 25 Hertz, che è legata proprio alle emozioni ma anche alle funzioni cognitive.

I segnali elettrici emessi dal cervello di 1.300 pazienti sono stati misurati dai ricercatori attraverso delle elettroencefalografie: i dati sono stati analizzati tramite l’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

I risultati hanno dimostrato che il funzionamento del cervello cambia a seconda del sesso, con le donne che riconoscono molto più facilmente le emozioni rispetti agli uomini.

Ma non solo: la sola osservazione dei dati provenienti dal cervello permetterebbe di prevedere (con un’accuratezza di oltre l’80%) il sesso del paziente ancora prima di conoscerlo.

Il ritmo delle emozioni cambia nel cervello

La scoperta (pubblicata su Scientific Reports) arriva da un team di ricerca internazionale, composto da studiosi dell’università di Twente (Olanda), dell’Istituto di Neuroscienze di Nimega (Olanda) e dell’università di Zurigo (Svizzera).

Altre precedenti ricerche avevano già dimostrato una migliore capacità delle donne di riconoscere le emozioni ma, per la prima volta, il nuovo studio fornisce anche una dimostrazione pratica.

Le differenze nel ritmo tra cervello maschile e femminile potrebbero aprire le porte a nuovi approcci terapeutici mirati, cioè specifici per le differenze di genere, sia nel campo psichiatrico che in quello neurologico.

Fonte: http://thetahealingworld.it/le-donne-piu-sensibili-delluomo-questione-ritmo-del-cervello/

Visita il sito: http://thetahealingworld.it

via Visione Alchemica