,

Migliora la tua memoria con questa antica tecnica greca di memorizzazione

Nell’antica Grecia, prima di essere scritte, le storie sono state raccontate oralmente,a causa di questo, la memoria ha svolto un ruolo importante nella vita dell’ antico cantastorie greco. Così, non è troppo sorprendente che il concetto di memoria è stata data la forma della dea Mnemosine. Inoltre, i greci hanno anche inventato modi per migliorare i loro ricordi. Uno di questi era la tecnica dei loci, che è stata utilizzata per lungo tempo nel mondo occidentale.

Mnemosine, dea della memoria

Mnemosine era una titanessa, una dei 12 figli di Urano (Cielo) e Gea (la Terra). I suoi fratelli erano Crono e sua moglie, Rea, Oceanus e sua moglie, Teti, Giapeto, e Themis. Mnemosyne è stata anche creduta di essere la madre delle Muse.

raffigurazione di Dante Gabriel Rossetti di Mnemosyne.

Raffigurazione di Dante Gabriel Rossetti di Mnemosyne. ( Pubblico dominio )

Secondo la mitologia greca, Zeus ha dormito con Mnemosyne per nove giorni consecutivi;con il risultato di questa unione, sono nate le Muse. Queste erano le nove dee responsabili della fornitura di ispirazione per coloro che sono coinvolti in letteratura, la scienza e le arti. Le nove Muse e i loro rispettivi domini sono i seguenti: Calliope (poesia epica), Clio (la storia), Euterpe (musica), Erato (poesia lirica), Melpomene (dramma), Polimnia (inni), Tersicore (danza), Thalia ( commedia) e Urania (astronomia).

Sarcofago conosciuti come "Muse sarcofago", che rappresenta le nove Muse e loro attributi. Marmo, prima metà del 2 ° secolo dC, trovato dal via Ostiense.

Sarcofago conosciuto come il  ” sarcofago del Muse”, che rappresenta le nove Muse e i loro attributi. Marmo, prima metà del 2 ° secolo dC, trovato dal via Ostiense. ( Pubblico dominio ) Le Muse erano le figlie della dea della memoria Mnemosine.

Un fiume e il Palazzo per le memorie

Inoltre, Mnemosine era il nome dato a un fiume negli Inferi. Gli antichi greci pensavano che prima che le anime dei morti si reincarnino, erano tenute a bere l’acqua da un fiume sotterraneo conosciuto come Lete. Il nome di questo fiume significa ‘dimenticanza’, e bere le sue acque causerebbe a un ‘anima di dimenticare le sue vite passate. Al contrario, il fiume Mnemosyne, che scorreva parallelamente al Lete, aveva l’effetto opposto. Secondo lo scrittore Pausania, bere da due fontane di acqua, una chiamata Lete, e l’altra Mnemosyne, faceva parte dei rituali  “dell’oracolo di Trofonio (Trofonio) a Lebadeia in Beozia (Beozia)”.

Uno dei metodi inventati dagli antichi greci per migliorare la loro memoria è stato il metodo di Loci. Questa tecnica è conosciuta in alternativa, come il viaggio della memoria, il palazzo della memoria, o la tecnica del Palazzo della Mente. Secondo l’oratore romano Cicerone, questa tecnica è stata scoperta da un poeta lirico greco con il nome di Simonide di Ceo. Cicerone continua a raccontare una storia in cui è stato invitato il sofista per presentare una poesia lirica a un banchetto in Tessaglia. Poco dopo ha presentato la poesia, Simonide è stato chiamato fuori, durante il quale il tetto della sala banchetti crollò improvvisamente. Gli altri ospiti sono stati schiacciati e morti, molti dei loro corpi straziati e irriconoscibili.

Marcus Tullius Cicero, di Bertel Thorvaldsen come copia dal originale romano, in Thorvaldsens Museum, Copenhagen.

Marcus Tullius Cicero, di Bertel Thorvaldsen come copia dall’originale romano, a Thorvaldsens Museum, Copenhagen. ( Pubblico dominio ) Cicerone scrisse il metodo della tecnica di memoria loci  scoperto da un poeta lirico greco con il nome di Simonide di Ceo.

Questo ha reso difficile l’identificazione dei morti,  necessaria per la loro degna sepoltura. Consultando la sua memoria visiva degli ospiti che erano stati seduti intorno al tavolo del banchetto, Simonide è stato in grado di identificare i morti. Fu da questa esperienza che Simonide si rese conto che sarebbe stato possibile ricordare qualcosa associandolo con un’immagine mentale di un luogo, sviluppando in tal modo la tecnica dei loci.

La visualizzazione per migliorare la memorizzazione

La tecnica dei loci si basa sulla visualizzazione mentalmente delle cose che si intende ricordare. Questi oggetti sono collocati in un ordine particolare in varie località lungo un percorso familiare attraverso un luogo, ad esempio una città, casa, sul posto di lavoro, ecc Un viaggio mentale con una partenza e un punto finale. Pertanto, quando si desidera ricordare, ad esempio, una lista della spesa, o i punti di un discorso, hai solo bisogno di andare in questo viaggio mentale al fine di ricordare ogni elemento. Questa tecnica di memorizzazione può essere ulteriormente aumentata rendendo le immagini più vivaci. Per esempio, le immagini mentali possono essere accompagnate da odori e suoni mentali.

Il metodo della tecnica memorizzazione Loci era popolare nel mondo antico ed è stata utilizzato fino alla metà del 17 ° secolo. E ‘stata infine sostituita da sistemi fonetici e PEG. Tuttavia, recenti ricerche hanno dimostrato che la tecnica del palazzo della memoria può essere molto efficace.

Come il Guardian ha riferito:

“Dopo aver trascorso sei settimane a coltivare un interno‘palazzo della memoria’, la gente ha più che raddoppiato il numero di parole che potevano mantenere in un breve periodo di tempo e le loro prestazioni sono rimaste impressionanti quattro mesi più tardi […] dopo soli 40 giorni di formazione, l’attività cerebrale delle persone assomiglia più da vicino a quello vista in alcuni dei campioni di memoria più alti e ordinati del mondo, il che suggerisce che la formazione della memoria può alterare il cablaggio del cervello in modo sottile ma potente.”

Quindi, può essere utile creare il proprio palazzo della memoria, dopo tutto.

Immagine anteprima: ‘Le circonvoluzioni del cervello del pensatore come un labirinto di scelte in etica biomedica.’ (Deriv.) Una tecnica antica di memoria greca suggerisce di immaginare un percorso  per ricordare le informazioni importanti. Fonte: Bill Sanderson / Wellcome Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

I 10 COMANDAMENTI DI MADRE NATURA: UN INNO ALL’EQUILIBRIO

3 Esercizi di respirazione per trattare ansia, depressione e attacchi di panico