Curiosità Medicina

Muscolo dell’anima: allenarlo per combattere il malessere

Lo psoas, chiamato anche muscolo dell’anima, è il muscolo più profondo del sistema muscolare e quello che contribuisce maggiormente alla stabilità del corpo umano. Ci aiuta a mantenere l’equilibrio, la mobilità articolare, l’ampiezza del movimento e il corretto funzionamento degli organi situati nella zona addominale.

Questo muscolo, che collega la colonna vertebrale e le gambe, ci aiuta a stare in piedi e ci permette di alzare le gambe in modo da poter camminare. Uno psoas in buone condizioni favorisce una corretta postura del corpo e offre un assestamento alla struttura interna del corpo.

Le culture orientali lo hanno nominato muscolo dell’anima per via della sua relazione con il sistema nervoso centrale, in quanto essendo collegato al diaframma è correlato alla respirazione.

Sappiamo che il ritmo respiratorio ha una relazione bidirezionale con il nostro stato emotivo, quindi diviene il messaggero del nostro stato psicologico. È quindi il muscolo responsabile di aiutarci a ossigenare la mente.

Lo psoas o muscolo dell’anima è considerato il portavoce delle emozioni, quelle che si manifestano sia come “farfalle nello stomaco” che come “lo stomaco sottosopra”.

La tensione dello psoas: la posa della salute emotiva

Lo stress, unito allo stile di vita che lo accompagna, può affaticare lo psoas facendolo accorciare o indurire. Questo fatto produce mal di schiena e lombalgia, problemi digestivi, mestruazioni dolorose, ecc.

Se lo stato di stress diventa cronico, lo psoas finisce per accorciarsi e indurirsi, influenzando il nostro stato fisico ed emotivo, generando un grande disagio che finisce per esaurire il corpo.

Al contrario, quanto più forte e flessibile è il “muscolo dell’anima”, tanta più vitalità emaneremo, poiché l’energia può fluire liberamente attraverso le ossa, i muscoli, le articolazioni, gli organi, ecc.

Esercizi per rilassare il muscolo dell’anima

Per lavorare sulla flessibilità e il rafforzamento di questo muscolo, possiamo eseguire diversi esercizi o allungamenti. Come si vede nelle immagini, il muscolo inizia nel vertebra T12, continua attraverso le cinque vertebre lombari e si collega alla parte superiore del femore.

Discipline come lo yoga si concentrano sul lavoro di questo muscolo, in quanto aiuta a rilasciare le tensioni inutili e a fluire attraverso movimenti corporei liberatori che aiutano a riconnetterci con i propri bisogni.

Vediamo alcuni degli esercizi che ci permettono di allungare, rafforzare e rilassare il muscolo dell’anima. Tuttavia, prima di iniziare a descriverli, dobbiamo sapere che ogni posizione deve essere mantenuta per qualche secondo e deve essere ripetuta per entrambe le gambe. È consigliabile eseguirli tutti i giorni e meglio al mattino.

1. Affondo

  • In piedi, con le gambe separate alla distanza delle spalle.
  • Tenete la schiena dritta, vi aiuterà a contrarre i muscoli addominali.
  • Fate un passo in avanti con il piede destro.
  • Abbassate il ginocchio sinistro verso il pavimento e fatelo scivolare all’indietro, fino ad allungare tutta la gamba.
  • Appoggiate le mani sul ginocchio destro e mantenete la posizione per alcuni secondi.
  • Tornate con calma alla posizione iniziale ed eseguite lo stesso esercizio con l’altra gamba.

Variante: affondo con elemento. Si tratta di eseguire lo stesso esercizio ma mettendo uno sgabello, una cassa o una sedia all’altezza del ginocchio, allo scopo di sostenerlo e portare in avanti tutto il peso del corpo in modo che sia possibile allungare la gamba sinistra. Ripetete con l’altra gamba.

2. Allungamento spinale

  • Sdraiatevi sulla schiena su una stuoia o un materassino.
  • Posizionate le braccia perpendicolarmente al corpo, a forma di croce. I palmi devono toccare terra.
  • Portate il ginocchio destro a sinistra, ruotate l’anca e poggiatelo a terra. La gamba dovrebbe essere ad angolo retto.
  • La gamba sinistra non deve essere flessa.
  • Rimanete per alcuni secondi nella posizione e ripetete con l’altra gamba.

3. Allungamento con ginocchio al petto

  • Sdraiatevi sulla schiena su una stuoia o un materassino.
  • Sollevate il ginocchio destro verso il petto e tenetelo con entrambe le mani. Esercitate un po’ di pressione per avvicinarlo di più.
  • Non sollevate il piede destro da terra.
  • Rimanete per alcuni secondi nella posizione e ripetete con l’altra gamba.

Creare l’abitudine di eseguire questi semplici esercizi ogni giorno favorirà il vostro equilibrio fisico e psicologico. Prendere un giorno per riempirci di ossigeno psicologico è qualcosa che non possiamo “rimandare”, perché il nostro benessere è qualcosa che non dovremmo mai rimandare. La nostra vita è strettamente collegata a esso.

via La Mente Meravigliosa

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER