Psicologia

Non lasciate che gli altri proiettino la loro negatività su di voi

A chi non è mai capitato di ricevere delle critiche? Tutti noi, prima o poi, siamo vittime di persone invidiose del nostro lavoro, arrabbiate per il nostro modo di essere o di agire oppure che semplicemente non stavano bene con se stesse e avevano bisogno di proiettare la loro negatività su qualcuno. Forse anche a voi è capitato di trovarvi al loro posto.

“Nemmeno i vostri peggiori nemici possono farvi più male dei vostri stessi pensieri.”

Una critica può farci molto male. A seconda della giornata che abbiamo avuto o dei nostri livelli di autostima, possiamo decidere di ignorarla oppure permetterle di farci soffrire. Proprio così: siete voi i a permettere che la negatività si proietti su di voi, perché non potete controllare le azioni degli altri, ma potete controllare l’influenza che hanno su di voi.

Chi vi critica definisce se stesso

Non siamo tutti uguali. Forse al vostro migliore amico le critiche degli altri non fanno male, ma a voi sì. Per riuscire a cambiare le cose, è importante cambiare la prospettiva da cui osservate questa situazione. Perché mai una persona dovrebbe criticarvi con l’obiettivo di farvi del male? Forse, in verità, ciò che sta facendo è criticare quello che la definisce.

Molto spesso, infatti, proiettiamo sugli altri le nostre insicurezze e paure, quei bisogni che lanciamo contro gli altri come fossero frecce velenose, perché non siamo riusciti a colmarli. In questo modo, cerchiamo di sentirci meglio con noi stessi. Non ci rendiamo conto che invece di risolvere il problema, cerchiamo di aggirarlo.

Ogni volta che qualcuno proietta la sua negatività su di voi, dovete pensare che si tratta di un meccanismo di difesa. Quella persona sta cercando di difendersi da tutti gli impulsi, le azioni ed i pensieri che non vuole riconoscere come propri. I suoi meccanismi di negazione interna lo portano a proiettare quelle mancanze su di voi per non essere obbligato ad accettarle, metabolizzarle e risolverle.

“Mi sono messo a dieta dai cattivi pensieri, le persone distruttive e tutto ciò che non mi fa bene.”

-Paulo Coelho-

Facciamo un esempio molto comune. Pensate a quelle relazioni di coppia in cui uno dei due partner accusa l’altro di essergli infedele quando non ha vere prove che lo portino a sospettare di ciò. Ci sono molte spiegazioni che potrebbero giustificare questa situazione.

Spesso ciò che accade è che la persona che accusa il partner ha avuto a sua volta pensieri di infedeltà, ma non li accetta perché li considera negativi. Visto che ha bisogno di sentirsi meglio con se stesso, proietta questa insicurezza sul partner: gli trasferisce la sua paura per coprire pensieri che non riesce a gestire.

Ma la cosa importante in questo momento è come reagirete voi. Lascerete che quella negatività che vi proiettano addosso vi sottometta? Volete davvero continuare a stare al fianco di una persona che vi ferisce, invece di negarvi a fare ciò che non volete fare? Se continuate a sopportare tutto per paura del giudizio degli altri, potete sperare di stare meglio?

Imparate a contrastare la negatività

A volte è difficile mantenere la calma di fronte ad una persona che non si comporta bene con voi. Eppure, è necessario fare uno sforzo, perché è questa la vostra migliore arma per evitare che le paure e le insicurezze dell’altra persona si ripercuotano su di voi. In questo modo, riuscirete anche ad analizzare con maggiore lucidità i motivi che la stanno portando a trattarvi male. Nel migliore dei casi, potrebbe persino rivelarsi un’esperienza positiva.

Sapete qual è il modo migliore per smettere di preoccuparvi troppo per una situazione del genere? Forse ridere vi sembrerà assurdo, ma in realtà è un’arma fondamentale. Un sorriso in un momento difficile può aiutarvi molto, anche se non ci credete. Iniziate a mettere in pratica questo consiglio da oggi stesso e vedrete che ogni critica o giudizio negativo avrà un impatto emotivo molto minore su di voi.

Allo stesso modo, non dimenticate che una critica è solo un’opinione personale. Per questo motivo, non dovrebbe avere ripercussioni importanti su di voi, visto che è chiaro che non tutti vedono le cose allo stesso modo. Inoltre, quante volte qualcuno vi ha giudicati senza conoscervi davvero?

È molto importante fare attenzione anche a come si comporta la persona che vi sta criticando. Di solito chi proietta i suoi bisogni o timori sugli altri è una persona molto emotiva. Le sue parole lasciano trapelare emozioni che fanno sembrare sempre tutto molto più grave di quanto non sia in realtà.

“La cosa migliore della critica non è il suo rispondere ad un desiderio di offesa, ma di libertà di pensiero.”

-Fernando Sánchez Dragó-

Quando accade, significa che vi trovate di fronte ad una persona le cui parole non sono rivolte davvero a voi, ma a se stessa. Le sue pauree insicurezze vengono proiettate su di voi, ma in realtà non c’è niente che non va in voi, non state facendo nulla di male. È lei ad avere paura di accettare qualcosa che non le piace di sé e per questo riflette su di voi i suoi pensieri.

Nel corso della vita vi troverete spesso a fare i conti con persone simili. Molti sono soggetti tossici, che non solo riempiranno la vostra vita di negatività, ma potrebbero anche trasmettervi emozioni e sentimenti nocivi e dannosi, che vi metteranno i bastoni tra le ruote. Il modo migliore di non permetterlo è mantenere la calma e avere fiducia in voi stessi. Non sempre ciò che vi dicono è vero: può essere frutto della loro stessa paura ed insicurezza.

via La Mente Meravigliosa

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER