Curiosità Numerologia

Previsioni Numerologiche Novembre 2018 – Ancorarsi alla Realtà

Ricordo che per calcolare il numero del mese è sufficiente sommare il suo valore numerico (ad esempio Novembre è il numero 11), con la somma delle cifre dell’anno in corso; nel nostro caso il 2018 è un 11 (2+1+8= 11 => 11+11 = 22=>4). Novembre quindi è un mese 4. Vediamo allora quali sono le sue indicazioni… SIGNIFICATO DEL NUMERO 4

Il numero 4 si confronta con la materia, con le cose concrete del mondo. Ma cosa sono queste cose concrete? Qualcuno potrebbe dire quello che vedi o che tocchi con mano, quello che senti con l’olfatto o con l’udito e si sbaglierebbe perchè come dimostrato anche dalle scoperte della fisica quantistica, ciò che percepiamo è solo una costruzione mentale illusoria, reale per i sensi, ma di per se un forma di un mare energetico caotico. Come fare quindi ad ancorarsi alle cose concrete come ci suggerisce il mese di Novembre e il numero 4? Bisogna iniziare a chiedersi dentro se stessi, cosa sia concreto e cosa no, cioè ricoscere il proprio modo di percepire il mondo, indipendentemente da quello che ne possono dire gli altri, le convinzioni sociali, i dogmi scientifici o religiosi. Mettere in dubbio tutto e fidarsi solo di quello di cui non si dubita più.

Bisogna insomma trovare una propria concretezza interiore nei valori, nei propri scopi di vita, nelle proprie convinzioni che diverranno da qui in avanti scoperte, sempre superabili in ogni isante, perchè della realtà si può scoprire sempre qualcosa di più.

Novembre ci chiede di ancorarci alle nostre poche certezze e se queste dovessero crollare, lasciare che crollino e trovarne di altre, costruire un proprio modo di percepire il mondo e di riconoscere nel mondo scopi per cui valga la pena vivere, impegnarsi, creare, alzarsi la mattina. Può essere il semplice piacere di scoprire ogni giorno qualcosa di nuovo di se e delle cose, oppure costruire un nucleo familiare colmo di amore e verità, oppure dedicarsi ad un progetto creativo personalissimo autentico, non imposto da altri; oppure ancora potrebbe essere dedicarsi alla lettura di testi antichi, o alla scrittura di un testo nuovo o semplicemente scoprire cosa ti piace davvero e farlo diventare un’indagine continua che porta a costruire dei modi di agire che possano essere cambiati in qualsiasi momento. Il 4 di Novembre ci chiede di non credere più a nulla che non sia verificabile dalla ragione (la tua, non quella altrui) o che non ti ispiri verità in qualche profondità del tuo essere. Ciò di cui dubiti va approfondito o lasciato andare…se c’è qualcosa che non ti da sicurezza, demoliscilo e costruisci delle nuove fondamenta solide. Fai così con i tuoi valori, le tue idee, i tuoi scopi, anche con ciò che pensi di essere.

Potresti allora accorgerti che hai sempre aderito ad una realtà illusoria, che ti sei dedicato per troppo tempo agli altri e per nulla a te stesso, che magari hai sempre tradito il tuo bambino interiore (chi più di lui è ancorato alla realtà). Novembre ci invita a fare un’analisi interiore molto semplice…c’è qualcosa che posso dire di conoscere e che mi regala frutti preziosi, utili per la mia crescita? Bene, di queste cose mi posso fidare e di queste cose mi nutrirò. C’è tuttavia qualcosa che non conosco ancora, che non ho compreso bene, che mi crea sospetto o titubanza (il lavoro che faccio, il modo di gestire i miei soldi, addirittura i desideri che credo di avere…), qualcosa che non mi sta dando sostegno, nutrimento o soddisfazione? Demolisco ogni illusione che non dia frutto e costruisco qualcosa di nuovo, con pazienza e una visione del futuro che è in divenire in ogni istante, grazie al mio essere nel presente con profonda e consapevole presenza. Una presenza che sa dire sì quando è sì e no quando è no, che sa domandare “perchè” e che non si accontenta di risposte campate in aria, ma vuole concretezza…anche nella spiritualità.

Luca Carli – www.lagiostradelsole.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER