di Omraam Mikhaël Aïvanhov

Sia dentro di sé che esteriormente a sé, l’essere umano è sempre teatro di combattimenti fra il principio di vita e il principio di morte.

Queste due potenze avversarie si scontrano costantemente, ed è sempre la debolezza dell’una a rendere forte l’altra. Quando un regno è potente e prospero, tutti i suoi nemici se ne stanno tranquilli; ma quando comincia a indebolirsi a causa della negligenza dei governanti o della cattiva volontà dei cittadini, i nemici ne approfittano per attaccarlo e distruggerlo.

Lo stesso fenomeno si verifica anche in noi: ci sono nemici che minacciano sempre di indebolirci togliendoci la nostra pace, la nostra ispirazione, il nostro coraggio, e spiano ogni nostro minimo momento di disattenzione. Ecco perché dobbiamo essere sempre consapevoli dei nostri stati interiori per poter opporre immediatamente resistenza a quelle forze ostili.

Dato che siamo venuti sulla terra per eseguire un lavoro, non bisogna permettere che le potenze di morte riportino la vittoria. Per quanto possiamo, tramite la conoscenza, la fede, la speranza e l’amore, dobbiamo aiutare le potenze di vita a trionfare in noi.

Tratto dagli scritti di Omraam Mikhaël Aïvanhov 

Fonte: https://traterraecielo.live

via Conoscenze al Confine