di Francesca Rifici 

Su cosa agiscono principalmente i funghi? Come dicevamo, esistono diversi tipi di fungo, ognuno con una sua qualità più specifica. Ciascuno di questi ha un’azione mirata comune: il sistema immunitario.

Questi funghi infatti sono modulatori del sistema immunitario, inibiscono la crescita tumorale, disintossicano l’organismo, contribuiscono al rinnovo cellulare e sono sempre più impiegati per le terapie immunologiche, oncologiche, allergiche e infiammatorie.

Nella nostra società, il corpo è esposto a una molteplicità di sostanze nocive provenienti dalla dieta, dai cosmetici, dall’aria stessa che respiriamo, dall’acqua. Si tratta di piccole dosi giornaliere di tossine che a lungo andare possono appesantire il nostro organismo. I funghi medicinali hanno funzione di detossificare l’organismo, svolgendo l’azione di chelanti all’interno del nostro corpo o riducendo le sostanze nocive in metaboliti tossici minori.

Scopriamo il Ganoderma Lucidum o Reishi

Da 4000 anni il Ganoderma Lucidum conosciuto anche come Reishi, è impiegato nella medicina tradizionale cinese come il fungo dell’immortalità. Viene definito in questo modo perché le proprietà di questo fungo sono molteplici e agisce come panacea su tutto l’organismo, regolando molti processi al suo interno.
Vediamo quali sono:

  • Agisce rigenerando il fegato dal carico tossinico, migliorando il profilo lipidico.
  • Offre un elevato apporto di triterpeni con conseguente azione antinfiammatoria.
  • Migliora l’ossigenazione cardiaca (importante in casi di stenosi coronarica, aritmie e insufficienza cardiaca).
  • Efficace nel trattamento dell’asma, della bronchite cronica e per tutte le difficoltà respiratorie anche legate alle allergie di stagione, riduce infatti il rilascio di istamina.
  • Azione antinfiammatoria generale nell’organismo (noi sappiamo che un tessuto infiammato è la base di ogni malattia, anche di quelle degenerative).
  • Migliora anche la spossatezza fisica, l’esaurimento nervoso e lo stress (Lucidum è infatti riferito a questo: dissolve le “nebbie” del corpo e della mente).

Un’unica importante raccomandazione: scegliere sempre prodotti certificati biologici, da coltivazioni controllate proprio perché i funghi sono chelanti di sostante tossiche.

Articolo di Francesca Rifici 

Fonte: https://www.scienzaeconoscenza.it/blog/chiedi-al-naturopata/reishi-il-fungo-dell-immortalita