Ci lamentiamo sempre più di avere a che fare con bambini agitati, scontrosi e maleducati. Ma queste non sono espressioni della loro natura o del loro carattere, bensì risposte ad un mondo che non fa più per loro.

Credendo di fare loro del bene, quindi agendo in buona fede, riempiamo le loro giornate di attività e di oggetti, lasciando poco o nessuno spazio per la noia (grande alleata della creatività), per il libero gioco e per un ritmo naturale di vita.

mondo dei bambini1

Abbiamo reso complesso il loro mondo perchè siamo convinti che la complessità porta ricchezza mentre la semplicità porta povertà. Niente di più sbagliato!

Se neghiamo loro un giocattolo ci sentiamo in colpa, se ci teniamo a far rispettare certi orari ci sentiamo rigidi. Dobbiamo però spogliarci di questi “se” e agire da adulti superando quel vissuto di inadeguatezza che ci porta a comportarci un po’ da bambini.

Negare l’ennesimo giocattolo ad un bambino è un atto di coraggio che va fatto con fierezza, con la consapevolezza di trasmettere un chiaro e importante insegnamento di vita, è un modo per difendere il bambino da un mondo troppo caotico, troppo pieno di cose inutili, troppo rumoroso di oggetti.

Ecco perchè diviene fondamentale l’ordine nelle nostre case. Non è una questione di ossessione adulta ma di rispetto dello spazio naturale della vita. Una casa disordinata con oggetti accumulati qua e là creerà a sua volta disordine e confusione, una casa ordinata è il primo pilastro fondamentale per creare armonia e pace.

Eliminate il superfluo dalle vostre stanze e fatelo anche con i giochi dei bambini. Semplificate il loro mondo: è il solo modo di arricchirlo!

bambina-libera

Fondamentali sono poi i ritmi quotidiani. Ogni singolo elemento naturale vive di ritmi, non di parole e nemmeno di oggetti. Basterebbero i ritmi a farci vivere in armonia e invece li abbiamo persi per strada: per noi esistono solo doveri da compiere non ritmi da assaporare! La preparazione della cena, per esempio, dovrebbe essere un rituale da vivere con lentezza, con piacere e con spensieratezza, un momento importante che precede l’accensione di una candela e la condivisione armoniosa e pacifica del pasto, vissuto non come una necessità da compiere in fretta ma come un atto di adorazione per la vita e per l’intero creato.

Siamo nell’era del “troppo” e questo modo di vivere ci ingloba senza rendercene conto: troppo lavoro, troppe informazioni, troppe attività… Spezzate questo modo insano di vivere: lo si può fare pian piano, iniziando eliminando ciò che davvero è troppo per poi fare una selezione più accurata.

I bambini nella semplicità respirano, crescono, imparano, vivono! Di conseguenza si calmano, sono più sereni, più liberi di fare ciò che li entusiasma davvero.

bambina-soffione

Molte mamme passano i pomeriggi a fare le “mamme-taxi”, a portare di qua e di là i bambini nelle attività extrascolastiche (sport e quant’altro), convinte in cuor loro di sacrificarsi per il bene dei loro figli. In realtà il tempo libero dei bambini è un dono prezioso e questo continuo rincorrere un’attività o l’altra ruba il tempo del riposo, dello svago, della riflessione e della concentrazione naturale e non imposta. Basta un giorno a settimana, possibilmente non durante i giorni scolastici, per dare valore ad uno sport o ad una lezione di musica.

Usciamo allora dal vortice dannoso della tanto lodata complessità: rendiamo le nostre vite più semplici, riusciremo così ad assaporarne ogni momento e a non considerarli invece come una serie infinita di obblighi da compiere.

Elena Bernabè