,

Tutto ciò che pensiamo influenza gli altri

I campi magnetici della Terra trasportano un’informazione biologica rilevante che collega tutti i ‘sistemi viventi’.
Ogni persona ha influenza su questo campo di informazione globale. Grandi quantità di persone che creano stati di amore, stima, aiuto e compassione, coerenti con il cuore, possono generare un campo ambientale che faccia bene agli altri ed aiuti a compensare la corrente planetaria di discordia ed incoerenza.
Tutto quello che pensi influenza gli altri. Se capiamo che l’essere umano è un’antenna, allora ha senso l’ipotesi che i pensieri degli altri possano influenzarci, dato che possiamo sintonizzarci con loro.


Se abbiamo emesso pensieri di una determinata “frequenza”, chi è sintonizzato su quella frequenza li riceve.
Sono i pensieri di tutti che creano la realtà, sia personali che collettive.
Dalla risonanza tetradimensionale allo sdoppiamento del tempo.
Sta terminando il concetto che abbiamo del tempo, lo sdoppiamento del tempo, la differenziazione tra il passato ed il futuro nella terza dimensione.
Per quel che riguarda il presente, è una successione di istanti di coscienza con vuoti di ‘non tempo’ in ogni momento.
Il presente non ha un’esistenza reale, ma paradossalmente il tempo presente ha un’importanza capitale se siamo coscienti delle emozioni e riusciamo a distaccarci ad ogni livello.

Jean Pierre Garnier Malet

Su questo argomento questo è un estratto di un’intervista a Jean Pierre Garnier Malet, Fisico in meccanica dei fluidi francese, autore della teoria dello sdoppiamento dello spazio e del tempo (www.tistryaprod.com):
“Nell’universo tutto è duale, le particelle sono tutti duali, ovvero sono corpuscolari e ondulatorie. Noi siamo un insieme di particelle, abbiamo energie dei pensieri.
Il nostro tempo è una successione di tempi percettibili separatamente da tempi impercettibili, possano essere utilizzati con un’altra osservazione, con un altro tempo di osservazione.
Quindi, entriamo in un noto principio della Fisica, che è il principio di Heisenberg, cioè, che in un tempo nullo posso beneficiarmi di un’energia infinita.
Lo sappiamo dalle particelle e si potrebbe estendere a noi come osservatori.
Osservi che questa legge dello sdoppiamento del tempo fu insegnata nell’epoca di Platone.
Per esempio, vi è una sua frase celebre che dice: ‘Dobbiamo essere ciò che siamo, ciò che siamo stati, ciò che saremo per essere ciò che siamo’.
Qui vediamo che ci sono 3 tempi: il tempo in cui siamo stati, quello in cui siamo e quello in cui saremo. Siamo in 3 tempi.
Stare nel passato, stare nel futuro, è stare anche nel presente nello stesso tempo.
Questa nozione di passato, presente, futuro è una storia della memoria.

Platone

Di fatto, la memoria che abbiamo è sempre la memoria di un futuro possibile che abbiamo costruito..
Come? Con un pensiero.
Come posso andare da un tempo percettibile a un tempo impercettibile?
Qui sparisce un’altra legge della Fisica che è il principio di Langevin, che dice: se vado a una velocità pari a quella della luce non invecchio nello stesso modo di qualcuno che rimanga immobile.
La differenza di velocità crea una differenza di tempo. Noi abbiamo un corpo duale, ovvero, abbiamo un corpo fisico che conosciamo, e un corpo energetico che sdoppia questo corpo fisico, che informa questo corpo fisico, ed è quello che va a cercare l’informazione.


E questa informazione può cercarla ad una velocità superluminosa, ora si ammette nella scienza, la velocità dell’intreccio, la velocità superluminosa.
E nell’andare a cercare l’informazione in un tempo completamente differente, può prendere tempo per conoscere molte cose e tornare dentro di me.
Questo corpo energetico sono io, non è un doppio, sono io, e dà al mio corpo fisico l’informazione necessaria che io stesso decodifico qui nella mia vita e che mi spinge a fare molte cose.
Quindi vado da una realtà ad un’altra realtà temporale.
Il problema è che, ogni volta che penso a qualcosa, fabbrico questo potenziale, e non sono obbligato a viverlo, però appartiene a tutti.
Questo significa che posso fabbricare potenziali per chiunque, e sono responsabile di colui che va ad utilizzare il mio potenziale per vivere.
Vi è una legge della Fisica molto, molto importante: ‘Non pensare di fare ad altri, ciò che non vuoi altri ti facciano’.
Perchè se costruisci un potenziale sgradevole, se qualcuno coglie questo potenziale avrà una vita sgradevole, e tu ne sei responsabile.
Se fabbrichiamo un futuro pericoloso, per esempio, creare violenza, apprendere ad uccidere in un videogioco, proiettare la morte nel futuro..
Dopo qualcuno incorpora questo nella sua vita e va a uccidere, e diciamo: ‘è un assassino!’.
E con il nostro videogioco cosa facciamo? Fabbrichiamo il futuro.
Se non l’avessimo fabbricato, questa persona non l’avrebbe potuto utilizzare, perchè forse non l’aveva pensato prima.
Allora è il nostro pensiero che ha condotto questo potenziale, che ha fatto in modo che qualcuno lo utilizzi.
In questo sistema di sdoppiamento quando veniamo e ci incarniamo sulla Terra, la nascita è una morte in un altro tempo, e quando moriamo è una nascita in questo altro tempo.
Così che viviamo in un’apertura temporale di noi stessi.


Dobbiamo imparare a creare un futuro senza avere responsabilità in questo futuro nella vita degli altri.
Il nostro obiettivo sulla Terra è di non avere nessuna responsabilità in questo futuro, in modo che le persone che vivono sulla Terra abbiano la miglior vita possibilre.
Il futuro è a misura del pensiero dell’umanità. Ciò che l’uomo pensa, è il suo futuro.
Se pensiamo negativamente, fabbrichiamo un potenziale negativo che può essere utilizzato.
Se pensiamo cose valide che chiunque possa utilizzare senza problemi, allora pensiamo di fare ad altri ciò che ci piacerebbe che altri pensassero di farci, e in questo caso non avremmo nessuna responsbilità nella vita delle persone, nella sofferenza delle persone.
Al comtrario, a volte potremmo avere una responsabilità nella felicità delle persone, se quello che fabbrichiamo permette di vivere meglio.”
Saràn che lasciandoci manipolare dalle energie dense, siamo corresponsabili del mondo caotico in cui viviamo, pieno di guerre, violenza e perdita dei valori umani?
Se fossimo coscienti della grande responsabilità che abbiamo in ogni istante, per quello che pensiamo…potremmo forse creare un futuro più benevolmente di pace ed armonia, basato sui valori dell’anima-cuore.

A cura di Sergio T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

I segnali per capire che siamo protetti dai nostri angeli custodi

Impara da Rumi le 25 lezioni cambieranno la tua vita