Anche a te nel corso della tua vita sarà capitato di soffrire ferite profonde e invisibili radicate nel tuo animo. Potrebbe essere stato un problema vissuto durante l’infanzia che ti ha segnato per il resto della vita. Le ferite emotive, infatti, dopo che si sono radicate nel nostro animo, diventano determinanti per la qualità della nostra vita adulta.

Il rifiuto è una delle ferite emotive più gravi e complicate da gestire. Chi sperimenta la sensazione del rifiuto si sentirà ferito nel profondo dell’animo e userà questa ferita per interpretare tutta la realtà circostante: se hai sofferto un rifiuto, corri il rischio di rivivere quella sensazione anche quando non dovresti.

Cos’è il rifiuto

Cercando il termine “rifiutare” sul dizionario scopriamo che significa opporsi o disprezzare, ovvero un atteggiamento traducibile con il semplice “non volere” qualcuno o qualcosa. Spesso la prima esperienza di rifiuto si verifica da bambini: potrebbe essere che i tuoi genitori abbiano dimostrato disprezzo nei tuoi confronti oppure potresti essere tu ad avere interpretato i loro comportamenti in questo senso.

Normalmente il bambino che si sente rifiutato svaluta sé stesso per mitigare questa ferita straziante. Un’altra delle possibili prime reazioni che mettiamo in atto per sopravvivere alla sensazione di rifiuto è il tentativo di fuga: il bambino rifiutato svilupperà una personalità sfuggente e cercherà rifugio in mondi immaginari.

Non si tratta per forza di un vero rifiuto da parte dei genitori, anche nel caso di genitori iperprotettivi, il bambino potrebbe sviluppare gli stessi sintomi del rifiuto: a causa della protezione eccessiva che gli viene imposta, si sentirà incapace di cavarsela da solo e non si sentirà accettato per quello che è.

Le emozioni che proviamo durante l’infanzia sono determinanti nella formazione della nostra personalità. Quindi da un bambino che si sente rifiutato, nascerà un adulto con la tendenza a sottovalutarsi e a cercare sempre la perfezione. In questi casi l’adulto sarà costantemente alla ricerca dell’approvazione e del riconoscimento da parte degli altri. Ovviamente ottenere questo riconoscimento è sempre molto difficile

Genesi di una personalità 

Le ferite emotive più profonde si generano a causa del confronto con il genitore dello stesso sesso. Questa malsana forma di confronto perdura nel tempo e anche da adulto chi si è sentito rifiutato da bambino sarà molto sensibile ai giudizi di quel genitore.

Una caratteristica delle persone che hanno sofferto una ferita emotiva come il rifiuto, è la difficoltà nell’essere circondati da altra gente. Chi ha sperimentato il rifiuto svilupperà una personalità piuttosto solitaria per non correre il rischio di essere disprezzato. 

Quando queste persone sono costrette a condividere esperienze con un gruppo, cercheranno di aprire bocca il meno possibile e, quando lo faranno, gli costerà un enorme sforzo.

L’esperienza più paradossale che consegue al rifiuto è l’ambivalenza che caratterizza queste persone: se vengono elogiate non ci credono o arrivano addirittura ad auto sabotarsi, mentre quando vengono escluse avvertono nuovamente quella sensazione di rifiuto.

Superare il rifiuto

Le ferite emotive di questo genere sono molto difficili da risanare e chi le ha vissute potrebbe trasformarsi lentamente in una persona rancorosa, a causa di quella profonda sofferenza. Per sanare la ferita dovuta al rifiuto devi prestare particolare attenzione alla tua autostima: riconosci il tuo valore e la tua importanza disinteressandosi dell’approvazione altrui. Devi accettare la tua ferita come parte di te, senza negarla. Una volta che l’avrai accettata riuscirai anche a perdonare chi te l’ha inferta, liberandoti per sempre dal tuo passato. Infine, è importante prenderti cura di te stessa: Sei il centro del tuo universo e devi dare priorità ai tuoi desideri. Non possiamo cancellare quello che è stato, però possiamo cambiare il nostro futuro per diventare persone migliori.

© 2020 Apri la Mente – Tutti i diritti riservati

Commenti su: Come affrontare il rifiuto e superare le ferite emotive

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Crescita Personale
    La vita è un insieme di gioie e dolori, momenti certi e altri assolutamente oscuri: bellissima e spaventosa allo stesso tempo. Se ti chiedessero di definire la vita probabilmente daresti una definizione simile oppure completamente diversa, non c’è un’unica possibilità giusta. Potresti concentrarti sugli aspetti più negativi, oppure quelli tipicamente positivi della nostra esistenza, dipende […]
    1. Crescita Personale
    Nella vita nulla rimane uguale e tutto cambia: sia perché cresci, sia perché l’immobilità non è compresa nella natura umana. Cambiare significa sperimentare qualcosa di nuovo, scoprire nuovi interessi e abbandonarne di vecchi. Se riuscirai ad essere padrone del cambiamento riuscirai anche a migliorare come individuo e crescere emotivamente. Ovviamente, i cambiamenti possono riguardare tantissime […]