Il ciclo del sonno è uno degli aspetti più interessanti dell’essere umano: dormire bene ci consente di vivere più a lungo e aumentare la qualità della nostra vita. Capire come funziona il rapporto tra sonno e veglia ti aiuterà a coricarti al momento giusto svegliandoti poi più rilassato e ricaricato. Il ciclo del sonno è anche il fattore che determina i nostri sogni: sono semplici proiezioni della nostra mente e perciò ci sono aspetti fisiologici capaci di influenzarli. Conoscere bene il nostro dormire non sembra una preoccupazione della nostra società attuale: il 40% della popolazione occidentale soffre di disturbi del sonno dovuti a stress o ansia. Anche le cattive abitudini e l’uso dei dispositivi elettronici in ora tarda influenzano la capacità di dormire. Eppure, chi sottovaluta l’importanza del sonno dovrebbe ricordarsi che il nostro cervello di notte oltre a scaricare la tensione svolge anche dei compiti essenziali: rimuove informazioni inutili, fissa i ricordi e rigenera parte del nostro benessere. Per questi motivi è essenziale comprendere appieno il ciclo del sonno. 

Esistono cinque fasi precise che determinano il nostro riposo. Tutte queste fasi durano circa 90 minuti quindi in una notte passiamo attraverso 5 o 6 cicli completi. Svegliarsi nella fase sbagliata potrebbe voler dire non sentirsi riposati al mattino. Chi dorme meno di 5 ore non riuscirà a completare nemmeno 4 cicli che è il minimo normalmente indicato per ricaricare le batterie. Vediamo quali sono le singole fasi che compongono i nostri cicli di sonno.

Addormentarsi

la prima fase è ovviamente quella in cui iniziamo ad avvertire la stanchezza: hai presente quel momento in cui inizi a perdere il controllo sulla tua mente e ti abbandoni al sonno? Dura una quindicina di minuti ed è caratterizzata da una sensazione di rilassamento che smette di farci rigirare nel letto.

Sonno lieve 

La seconda fase di un ciclo è caratterizzata da un sonno piuttosto leggero. Inizierai a respirare con un ritmo più preciso e lento mentre la tua frequenza cardiaca si abbassa. In questa fase il nostro cervello emette onde H ovvero delle frequenze che hanno lo scopo di non farci svegliare. Durante questa fase si verifica anche la tipica esperienza della caduta nel vuoto notturna: hai presente quando ti senti cadere e ti svegli di colpo? Ecco è una reazione alla frequenza cardiaca molto bassa. Il cervello vuole semplicemente assicurarsi che il nostro corpo stia bene e perciò invia uno stimolo improvviso. La nostra mente lo interpreta come una caduta e ci risveglia.

La terza fase è la transizione

Si tratta di uno stadio transitorio che dura davvero poco. La fase di transizione in totale corrisponde a circa cinque minuti del nostro sonno e serve solamente a passare dalle onde Theta alle onde Delta prodotte dal nostro cervello. In questa fase tipicamente si verificano fenomeni di sonnambulismo.

Sonno pesante

La quarta fase è quella del sonno profondo e dura circa mezz’ora. Le onde Delta hanno raggiunto il loro picco massimo e rendono impossibile svegliarsi autonomamente. Questa fase è essenziale perché è capace di rigenerare il nostro organismo e la nostra mente. Svegliandoti durante questo stadio ti sentiresti stanco, confuso e avresti bisogno di diverso tempo per adattarti alla vita da sveglio.

La fase REM

Tutti noi abbiamo sentito parlare della fase REM: è quella in cui il nostro cervello si lascia andare a sogni e incubi. È lo stadio più importante di un ciclo del sonno ed è caratterizzato da onde cerebrali Theta. Il cervello, in questo momento, è impegnato in numerose attività, tanto è vero che le fasi rem durano circa il 25% di un ciclo del sonno.

© 2020 Apri la Mente – Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla Newsletter

Tutti gli ultimi articoli e le novità di Apri la Mente direttamente nella tua casella di posta.

Commenti su: Dormire meglio: conoscere il ciclo del sonno potrà aiutarti ad avere notti serene

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Crescita Personale
    Durante la nostra vita faremo centinaia di incontri, alcuni saranno fugaci e ce ne dimenticheremo in fretta, altri, invece, diventeranno punti fermi e sempre presenti. Ci saranno poi delle conoscenze che diventeranno tra le più importanti della nostra esistenza e che, letteralmente, ce la cambieranno. Non sappiamo se vi sia già successa una cosa simile […]
    1. Crescita Personale
    Il sorriso è uno dei gesti più spontanei dell’essere umano: anche tu avrai notato che è impossibile trattenerlo. Quando ci succede qualcosa di bello, quando abbiamo di fianco una persona a cui vogliamo bene, sorridere è uno dei mezzi migliori per comunicare il nostro stato d’animo positivo. Questo gesto implica l’attivazione dei numerosi muscoli facciali […]