Oggi vogliamo farvi diventare un po’ nostalgici e parlarvi di un argomento di cui non si sente più tanto spesso: il corteggiamento.

Sapete che la maggior parte degli animali, prima dell’accoppiamento, ha dei rituali di corteggiamento ben specifici? Il pavone apre la sua bellissima coda, le gru danzano, i gibboni cantano dolcemente alle loro compagne. E gli esseri umani? Negli ultimi anni, il corteggiamento, sta andato lentamente spegnendosi, non è ancora sparito del tutto fortunatamente ma è drasticamente calato. Conoscere una persona, scoprire che ci piace e farglielo capire attraverso dei piccoli gesti, non è più una cosa così comune come si pensa.

C’è una causa?

Assolutamente si! Potrà sembrare banale ma sono i social i principali colpevoli. Non sono i responsabili numero uno, certo, ma hanno una grossa fetta di responsabilità. Quello che troviamo su internet mostra quanto l’approccio sia diventato molto più “immediato” rispetto al passato. Il corteggiamento viene quasi considerato non necessario, in quanto, si è abituati ad essere molto più diretti e a volere tutto e subito. La galanteria e le attenzioni non esistono quasi più, soprattutto nei più giovani che, molto spesso, si lanciano in relazioni superficiali e senza neppure essere certi che ci sia del sentimento dietro. Nessuna magia, nessun romanticismo, solo la voglia di avere qualcuno al proprio fianco.

Cosa ci stiamo perdendo?

Vi ricordate di tutti quei piccoli gesti che precedevano una dichiarazione? A volte se ne vede ancora qualcuno ed è come tornare indietro nel tempo. Volete qualche esempio? Vediamo se riusciamo ad ispirarvi un pochino.

  • Fiori, il simbolo dell’amore. Cosa c’è di più bello che ricevere in dono un mazzo di fiori? Sono, probabilmente, l’esempio più lampante di corteggiamento, il simbolo dell’amore. Difficilmente oggi vedremmo portare un mazzo di fiori al primo appuntamento, è un gesto un po’ antico che, purtroppo, non sempre viene apprezzato.
  • Tenere la porta aperta. La galanteria vuole che, quando si entra in un locale, si debba tenere aperta la porta alla compagna. Sapete, io non vedo da molto tempo un gesto del genere e non ne vedo anche un altro che scopriremo nel prossimo punto.
  • Aprite la portiera dell’auto! No, non è un ordine tranquilli, ma un gesto garbato che nasconde un’attenzione tutta particolare nei confronti della persona con cui siamo. Dovete sapere che sono dei piccoli segni che mostreranno il vostro interesse e faranno molto piacere alla vostra partner.
  • Siate galanti in ogni situazione. Tenetele la sedia al ristorante, aiutatela ad indossare la giacca, offritele il braccio. Lo so, sembrano gesti d’altri tempi, quasi anormali nel 2020, ma è educazione, gentilezza ed un modo per dimostrare il vostro interesse.
  • Mettete giù lo smartphone. Ultimo punto, ma il più importante. Posate il cellulare, entrambi. Guardatevi negli occhi, parlate, raccontatevi di voi, dei vostri interessi, dei vostri sogni. Imparate a conoscervi e imprimetevi nella mente questi bei momenti. Non servono foto o storie su instagram per godervi la compagnia di qualcuno. 

Sapete anche cosa, paradossalmente, causa la mancanza di corteggiamento? Il non saper definire una relazione. Oggi giorno si fa fatica ad esprimere ciò che si desidera da un legame. Si ha paura delle conseguenze o di un rifiuto dato che si fa tutto troppo in fretta. Seguendo il corteggiamento invece è tutto molto più semplice perché si suppone che, il ricevente di tutte le piccole attenzioni, le apprezzi, quindi si sonda in qualche modo il terreno e si arriva, alla dichiarazione, con un po’ più di sicurezza.

In sostanza, ricominciate a corteggiare, è bello evolversi ed emanciparsi ma non è detto che qualche ritorno al passato sia sempre una cattiva idea.

© 2020 Apri la Mente – Tutti i diritti riservati

Commenti su: Il corteggiamento – Un’abitudine positiva in via d’estinzione

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli