Mary Burmeister diceva: “La verità è che ognuno di noi ha in sé il potere di liberarsi di tutta la sofferenza e di vivere la vita in totale pace e unità, di essere una creatura meravigliosa in perfetta armonia e di riconoscerla dentro di sé“.

Quando l’energia vitale fluisce in modo armonioso, ci si sente rilassati, sani e pieni di vita sotto tutti gli aspetti: emotivo, mentale e fisico. Il Jin Shin Jyutsu è un’arte dolce per armonizzare l’energia vitale del corpo. È un sapere intuitivo che ogni persona porta in sé dalla nascita e che pratica ripetutamente in modo inconsapevole e automatico.

Per esempio, quando reggiamo la testa con le mani mentre pensiamo, attiviamo determinate aree del cervello in modo da risvegliare dei ricordi. I bambini a scuola si siedono spesso sulle mani e in questo modo riescono a concentrarsi meglio e a stare più attenti.

Quando incrociamo le braccia, tocchiamo un punto nella piega del gomito che ci aiuta a essere presenti nella nostra forza e autorità. La mano, che spesso appoggiamo con noncuranza sulla spalla, ci libera dall’inutile bagaglio che portiamo con noi: preoccupazioni, stress e responsabilità che tante volte non sono nemmeno le nostre.

Intuitivamente appoggiamo le mani anche sulle zone doloranti.

Tutti conosciamo il Jin Shin Jyutsu: dobbiamo solo recuperarne il ricordo.

Appoggiando le mani su determinati punti del corpo riattiviamo l’energia vitale. I blocchi possono così sciogliersi, liberandoci anche da paure, rabbia, sensazioni deprimenti, tristezza, fatica, sforzo e stress. Il Jin Shin Jyutsu mobilita le forze di autoguarigione e la resistenza interiore, stabilizza il sistema immunitario ed è uno splendido metodo per riportare l’equilibrio a tutti i livelli.

Il Jin Shin Jyutsu è un sapere terapeutico che veniva usato già secoli fa da diverse culture e che a un certo punto ha finito per essere dimenticato. All’inizio del XX secolo il giapponese Jiro Murai lo riscoprì, lo studiò e lo trasmise alla sua allieva Mary Burmeister, che lo portò in Occidente.

Il termine “Jin Shin Jyutsu” è formato da tre parole giapponesi:

  • Jin: persona sapiente, compassionevole
  • Shin: creatore
  • Jyutsu: arte
  • significa “l’arte del creatore attraverso la persona sapiente e compassionevole”.

Sul corpo ci sono dei punti in cui l’energia è presente in forma concentrata. Toccandoli in determinate combinazioni si possono sciogliere facilmente i blocchi. Questi punti sono detti “serrature energetiche” o “serrature energetiche di sicurezza” (abbreviate a SES).

Si trovano all’interno dei flussi energetici che fanno scorrere la vita nel corpo. Se in questi flussi si creano dei blocchi, viene interrotto il fluire dell’energia e tutto il sistema energetico ne viene disturbato, il che a sua volta indebolisce il sistema immunitario e la resistenza interiore.

Appoggiando le mani su determinate serrature energetiche o su altri punti di forza, ci si riporta in armonia fisicamente, mentalmente e spiritualmente e si possono sciogliere sia i blocchi sia lo stress, l’ansia e altri disturbi psichici e fisici.

Come praticare il Jin Shin Jyutsu

Con il Jin Shin Jyutsu si toccano in genere due punti del corpo simultaneamente, che di solito sono due serrature energetiche. Tenete le dita o i palmi delle mani sui punti indicati fino a quando l’energia vitale inizia a fluire. Potete percepirlo.

È una sensazione di formicolio, un fluire interno o una pulsazione costante. Ognuno lo percepisce in modo leggermente diverso. Non dovete fare altro che tenere le dita su questi punti. Dovete solo mettere in moto la vostra energia vitale in modo da poter, per così dire, ricaricare le batterie.

Tenete le dita, i polpastrelli o i palmi delle mani sui punti indicati fino a quando percepite un flusso o una pulsazione costanti. All’inizio non è avvertibile distintamente, può servire un po’ di tempo per sintonizzarsi con le energie sottili.

Nel frattempo, seguite questa semplice regola: tenete ogni posizione per 3-5 minuti, quindi passate a quella successiva. Se usate una sola posizione, potete tenerla per 10-15 minuti. Durante una stimolazione più lunga, come quella del flusso centrale che si compone di sette passi, prendetevi circa 30 minuti di tempo per l’intero flusso, che corrispondono a 4 minuti per ogni posizione.

Potete far fluire l’energia per tutto il tempo che desiderate e fino a quando vi fa sentire bene.

Se fate fluire l’energia in altre persone o altri lo fanno a voi, la durata totale non dovrebbe superare un’ora consecutiva.

Importante: non potete sbagliare! Se vi è più comodo tenere le dita su una serratura energetica che si trova sul lato opposto a quello indicato, fatelo. Il corpo usa i flussi energetici nei punti in cui ne ha bisogno.

Rilassarsi

Il Jin Shin Jyutsu non richiede fatica. Evitate qualsiasi sforzo. Deve essere semplice! Deve semplicemente farvi stare bene. Non ponete l’attenzione sui problemi, ma sull’armonia che è sempre presente.

Diventate consapevoli del battito cardiaco che porta la vita al corpo e mantiene attiva la circolazione. Facendo fluire le energie, rafforzate questo battito.

Lasciatevi guidare dalla vostra intuizione e trovate la vostra strada personale. Lo ripeto: non potete sbagliare! Anche se doveste inavvertitamente tenere le dita su un punto “sbagliato”, non vi sarebbero conseguenze negative. Al massimo potrebbe forse servire solo un po’ più di tempo per ottenere un effetto.

Il fluire dell’energia è sempre collegato all’intelligenza del corpo, che la usa esattamente nei modi in cui ne ha bisogno. Se non riuscite a raggiungere bene alcuni punti, tenete le dita su altri punti. Esistono sempre diverse possibilità per far fluire l’energia, come vedrete nei singoli capitoli.

Restare sintonizzati

Nelle situazioni di stressansia o depressione è importante far fluire l’energia con regolarità. Lo si può fare un paio di minuti più volte al giorno, così da fornire un impulso costante. Oppure una sola volta al giorno per una durata un po’ più lunga.

Potete far fluire l’energia da seduti, in piedi o da sdraiati. Per esempio, sfruttate il tempo che passate in fila alla cassa o in attesa ai semafori, tenendo semplicemente alzato un dito.

Avere pazienza e fiducia

Abbiate pazienza e non dubitate se in un primo momento non notate alcun cambiamento evidente in un determinato ambito per il quale fate fluire le energie. Il corpo fa in modo di sistemare innanzi tutto quello di cui si ha bisogno più urgentemente.

Può darsi che diventiate più rilassati in generale o che dormiate meglio: il Jin Shin Jyutsu ha sempre un effetto, anche quando non lo percepiamo. Questo non significa comunque che possa sostituire il medico. Quando state male rivolgetevi sempre a un medico.

I farmaci possono alleviare i disturbi e allo stesso tempo potete anche far fluire le energie.

Ogni attivazione energetica porta più armonia, rafforza il sistema immunitario e stimola le forze di autoguarigione.

Le 26 serrature energetiche: Le porte del regno dei cieli

Le serrature energetiche di sicurezza (abbreviate con SES) sono determinati punti del corpo in cui l’energia è presente in forma altamente concentrata. Si trovano all’interno dei flussi energetici che fanno scorrere la vita nel corpo.

Quando vengono toccate trasmettono lo stimolo e possono mettere in moto svariati aspetti. Ma se in questi flussi si creano dei blocchi, viene interrotto il fluire dell’energia e tutto il sistema energetico ne viene disturbato, il che indebolisce il sistema immunitario e la resistenza intrinseca.

Le serrature energetiche di sicurezza, come dice il nome, rappresentano anche un sistema di preallarme del corpo. Quando alcune zone sono sovraccariche fungono, per così dire, da interruttori per i circuiti energetici: si chiudono per fare in modo che lo squilibrio non si diffonda a tutto il corpo.

Inoltre, ci forniscono un indizio sull’origine di tale squilibrio. Tenendo le dita (facendo fluire l’energia) su una serratura energetica, è possibile eliminare lo squilibrio o sciogliere il blocco corrispondente. Per questo motivo le serrature energetiche sono dette anche “porte del regno dei cieli”.

Ogni serratura energetica ha un significato ed è in relazione con corpo, mente e anima. Appoggiando le mani su una serratura energetica, i blocchi si sciolgono, l’energia si riattiva e l’aspetto correlato, come la paura o lo stress, può dissolversi.

In questo modo vi riportate sempre più in armonia a livello fisico, mentale e spirituale.

Su ogni lato del corpo ci sono 26 serrature energetiche, disposte in maniera simmetrica rispetto alla colonna vertebrale. Ogni serratura è grande circa quanto un palmo di mano, per cui se ne conoscete la posizione approssimativa, non potete sostanzialmente mancarla.

Di seguito ho elencato le serrature energetiche e ho descritto brevemente gli aspetti collegati a ogni punto. Potete tenere le dita su ciascuna serratura energetica per 3-5 minuti o anche di più, in modo da armonizzarla e riaprirla.

Per le serrature energetiche che non riuscite a raggiungere ci sono delle posizioni alternative.

Puoi approfondire la pratica dello Jin Shin Jyutsu nello splendido libro di Tina Stümpfig-Rüdisser, “Il tuo Jin Shin Jyutsu“.

Il Tuo Jin Shin Jyutsu Il Tuo Jin Shin Jyutsu
Le tue mani guariscono da paura, burn-out, depressione, stress
Tina Stümpfig-Rüdisser

Compralo su il Giardino dei Libri

Ti piacciono gli articoli di Apri la Mente Staff? Seguilo sui Social!
Commenti su: Jin Shin Jyutsu, una pratica semplice che attiverà i tuoi flussi energetici

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Crescita Personale
    Oggi viviamo nell’era delle distrazioni e nell’economia dell’attenzione, e siamo sottoposti a un bombardamento di stimoli e pressioni che ci costringono a fare sempre di più. Crediamo che essere occupati sia la soluzione. Questo ci porta a soffrire di una “patologia” che a lungo andare ci porterà all’autodistruzione, l’iperattività. Questo concetto è trattato in modo […]
    1. Crescita Personale
    2. Stoicismo
    Marco Aurelio crebbe circondato da cose meravigliose: grande arte e splendida architettura, cibo a volontà, vino buono e abiti magistralmente tagliati. Quando divenne imperatore aveva tutto ciò che avrebbe potuto desiderare. Marco Aurelio tuttavia era un filosofo stoico e sapeva bene che la legge della vita è il cambiamento e che non bisogna mai lasciarsi […]
    1. Spiritualità
    La natura enigmatica delle rune è innegabile. Come simboli, vogliono dire poco (se non addirittura nulla) per l’occhio non allenato, ma sembrano trasmettere ugualmente un qualche tipo di antico significato mistico. Benché possiamo svelare in certa misura i loro misteri esaminandole e utilizzandole, anche gli studiosi più esperti delle loro proprietà magiche e dei loro significati divinatori si renderanno conto che c’è sempre […]
    1. Spiritualità
    Chi sono gli Arcangeli? Quanti sono? Come possiamo riconoscerli e invocarli con la preghiera? La parola arcangelo deriva dal greco archi, che significa “primo, principale o primario”, e angelos, che significa “messaggero [di Dio]”. Perciò gli arcangeli sono i principali messaggeri di Dio. Gli arcangeli sono esseri celesti estremamente potenti. Ciascuno di loro ha una specialità e rappresenta un aspetto di Dio. […]
    1. Psicologia
    Ormai da qualche tempo, quando ci accingiamo a condividere le nostre riflessioni e le nostre esperienze sul tema della gentilezza, in un convegno o in una conferenza o, come in questo caso, in un libro, abbiamo l’impressione di entrare in uno spazio noto, familiare, dove ci riconosciamo e ci scopriamo non inclini a seguire un iter ordinato che contempli un inizio, […]