Guarda la mia mano, concentrati. Comincerai a sentire gli occhi che si fanno sempre più pesanti e… dormi! Ecco, questa è ipnosi ma immagino che non ci abbiate capito molto vero?
Quindi la domanda da porsi è: “Cosa è l’ipnosi?”

È forse una magia, un trucco mentale o magari un imbroglio.

Personalmente credo che per spiegare qualcosa nel modo più efficace possibile non ci sia niente di meglio di un esempio pratico. Che ne dite di un esempio fresco fresco?

Proprio qualche giorno fa ho svolto una seduta ipnotica con una cliente, la quale mi chiede di aiutarla a smettere di fumare. È una richiesta classica che gli ipnologi spesso si sentono rivolgere. Infatti l’ipnosi ha una grande utilità nel raggiungimento di questo obiettivo. Ma torniamo a noi.

Raggiunta la trance ipnotica, comincio a proporre una serie di suggestioni legate al fumo e a quanto le sigarette siano dannose e inutili.

Finita la sessione la cliente mi chiede se io fumassi. Io le rispondo in maniera negativa e lei, sconcertata, afferma che ad un certo punto, durante la trance, aveva cominciato a sentire puzza di fumo. Non sui suoi vestiti, ma nell’aria. Come se una persona esterna avesse appena fumato o stesse fumando in quel momento.

In conclusione, la mente della mia cliente aveva creato la percezione olfattiva del fumo, mentre le suggestioni ipnotiche avevano fatto in modo che questa percezione venisse vissuta come negativa e disgustosa. Risultato: la mia cliente non aveva più desiderio di fumare.

Vi sembra una manipolazione mentale ciò che è successo? Facciamo un po’ di chiarezza.

Ci sono tanti luoghi comuni, stereotipi e pregiudizi che circondano il mondo dell’ipnosi.

Molta colpa è attribuibile a programmi TV, film, spettacoli e via discorrendo.

L’immagine che passa attraverso i media è quella di un mago con poteri sconosciuti e misteriosi, e con un carisma magnetico in grado di ghermire mentalmente le proprie vittime e di raggirarle.

Ecco che in questo modo l’ipnosi si trasforma in una tecnica spaventosa, eticamente scorretta, o peggio ancora, in un banale trucco da spettacolo.

Non funziona così!
Prima di tutto dobbiamo distinguere l’ipnosi da spettacolo dall’ipnosi clinica.

Nel primo caso l’obiettivo è semplicemente quello di intrattenere ed impressionare gli spettatori. Lo show, come qualsiasi altro spettacolo, deve lasciare i presenti a bocca aperta, farli sognare. Non per questo in un’ipnosi di questo tipo vengono necessariamente utilizzati banali trucchi.

Nel secondo caso la questione si fa totalmente diversa. L’ipnosi clinica ha a che fare con la salute psicofisica delle persone, e con la pelle dei propri clienti non si scherza.

Si suppone che chi pratica ipnosi clinica abbia una preparazione specifica e sia in grado di padroneggiare le tecniche ipnotiche, tanto quanto sia in grado di gestire le eventuali problematiche che potrebbero emergere durante le sedute.

L’ipnosi clinica ha un background scientifico, con tanto di studi e pratiche esperienziali sul campo. Viene utilizzata contro il tabagismo, l’insonnia, il dolore (post-operatorio per esempio) e per favorire la perdita di peso. Presenta una notevole efficacia sia nella gestione dello stress, sia nel ridurre le sue manifestazione psicofisiche.

Inoltre ha svariati utilizzi anche in ambito sportivo e scolastico. È infatti impiegata con lo scopo di focalizzare la concentrazione e le risorse della persona sul raggiungimento di una performance ottimale.

Infine viene praticata anche durante il parto per rendere tollerabile e gestibile il dolore.

Insomma chi aveva qualche remora relativa al mondo dell’ipnosi magari si dovrà ricredere. Come ipnologo, ma anche come persona che è già stata ipnotizzata svariate volte, posso sostenere che l’esperienza della trance sia qualcosa di assolutamente piacevole, in grado di smuovere tutte quelle risorse personali che spesso non si credeva di possedere o di poter utilizzare.

Provare per credere!

Articolo di Nicola Conti
Psicologo, ipnologo e Psicoterapeuta

Seguilo su Facebook e Instagram

© 2020 Apri la Mente – Tutti i diritti riservati

Commenti su: La magia dell’ipnosi

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Psicologia
    Nonostante stiamo vivendo l’epoca d’oro delle connessioni e della comunicazione virtuale, la solitudine è un problema che non è stato debellato. Anche a te probabilmente capita di chattare con individui fisicamente lontanissimi: ciò ovviamente è un fattore positivo, ma delle persone fisicamente vicine cosa mi dici? Forse proprio la possibilità di comunicare con chi ci […]
    1. Psicologia
    Ti capiterà spesso nel corso della vita di sentire la mancanza di una persona che hai precedentemente allontanato: potrebbe capitare anche a distanza di anni, quando meno te lo aspetti, è normale. Probabilmente si tratterà di individui con cui hai condiviso una parte della tua vita: familiari, amici o addirittura partner. Questo rimpianto per come […]