Isterico, schizoide, psicopatico, borderline, bipolare. Questi e altri termini vengono spesso usati a  sproposito per descrivere una persona un po’ “particolare”, ma conosciamo il vero significato di tutte  queste parole? In questo articolo vorrei che ci concentrassimo sul disturbo borderline, sia perché intorno  ad esso aleggia una profonda confusione, sia perché questo disturbo ha visto una maggiore diffusione rispetto al passato. 

Chi frequenta una persona cosiddetta borderline, ha la sensazione di stare con due persone diverse, che si  alternano all’improvviso e in modo imprevedibile. In un certo senso è come se il partner borderline  impazzisse improvvisamente e diventasse un’altra persona: arrabbiata, maligna, intollerante e sempre  pronta a rinfacciare le mancanze altrui, mentre prima era una persona disponibile ed empatica. 

La patologia borderline comporta una difficoltà di regolazione delle emozioni, in particolare di quelle  negative. È come se il soggetto con questo disturbo fosse senza pelle. Ogni esperienza viene vissuta in  maniera amplificata e con una intensità emotiva al di là del normale livello di sopportazione. 

Per esempio, una piccola disattenzione da parte del partner viene percepita come un abbandono  devastante, in grado di generare forti sentimenti negativi. 

Nel disturbo borderline c’è anche una tendenza all’agito che causa molti problemi con il prossimo. La  tendenza all’agito, che altro non è se non un’azione impulsiva determinata dalla presenza di una emozione  intollerabile, è uno strumento che il borderline utilizza per potersi calmare e per gestire uno stato emotivo  che altrimenti sarebbe insopportabile. 

Il paradosso del vissuto borderline è riconducibile alla seguente espressione: “Mi ami e quindi io ti odio”. 

Questo è uno dei vissuti più frustranti che si incontrano nelle relazioni con il borderline, il quale ricambia  l’amore che riceve, con odio e svalutazione. 

Questa esperienza è molto diffusa in alcune coppie: ricambiare l’affetto attraverso comportamenti maligni e svalutanti. 

In un rapporto con una persona che soffre della sindrome di personalità borderline queste dinamiche sono  comuni, eppure rinunciare a questo rapporto così sofferto può essere molto difficile. 

La fine di una relazione problematica può lasciare delle ferite che possono necessitare di un tempo molto  lungo per potersi rimarginare. 

Ci si può sentire devastati dalla fine della relazione, non riuscendo ad accettare come quella che un tempo  sembrava essere una grande storia di amore possa finire in modo tanto paradossale e inconcepibile. 

Il partner che fino al giorno prima si amava, diventa inspiegabilmente pieno di risentimento e comincia a  distaccarsi emotivamente e a distruggere tutto ciò che si era creato fino a quel momento. 

Il mondo interno del borderline è caratterizzato da sentimenti cronici di vuoto, di inutilità e di depressione. Ed è proprio questa dimensione a caratterizzare il fulcro della sua sofferenza. La maggior parte dei suoi  comportamenti sono filtrati da questo modo di sentire. 

A livello inconscio il borderline si ritiene indegno di amore o di possedere cose o relazioni nutrienti nella sua  vita. Anche per questo motivo diventa autodistruttivo e ferisce chi lo ama. Dunque distrugge tutto quello  che di bello può capitargli. 

All’interno della relazione con un soggetto borderline si possono notare sbalzi di umore e improvvisi cambi di opinione. Ciò può essere visto in termini negativi da una persona esterna, come segno di ipocrisia o di  falsità. Ad una lettura superficiale può sembrare effettivamente così, ma chi soffre di un disturbo  borderline vive una sofferenza profonda e inavvicinabile. 

A livello prettamente psicologico si può affermare che l’Io del borderline sia fragile e poco integrato. È inconsapevole delle sue incoerenze e delle contraddizioni del suo comportamento, che dipendono dal  vissuto di vuoto cronico e dall’incapacità di riflettere su se stessi. Se viene messo davanti alle sue  contraddizioni, il borderline reagisce banalizzando oppure adottando un comportamento aggressivo: di  svalutazione o di rabbia. Questo accade perché le critiche vengono percepite come attacchi devastanti e in  grado di destrutturare le fondamenta della sua identità e della sua autostima. 

La vita del borderline è caratterizzata da una profonda instabilità, che si traduce in un percorso  contraddistinto da continui alti e bassi e da frequenti cambiamenti in ambito lavorativo, amicale e affettivo. 

Le persone con questa problematica iniziano numerosi progetti con intenso entusiasmo, per poi  abbandonare alla prima difficoltà. 

Inoltre se siamo in presenza di un disturbo borderline di personalità, questo non si manifesta soltanto  all’interno della coppia.  

Esso è pervasivo. Ciò vuol dire che si manifesta nella maggior parte delle situazioni, non solo con il partner, ma anche con i colleghi, i vicini di casa, i familiari o gli amici, anche se la parte peggiore emergerà nella  relazione intima. 

Per sintetizzare e concludere, il disturbo borderline è il disturbo della relazione: se mi avvicino  emotivamente ad una persona amata, mi spavento e mi allontano. Ma se la distanza è troppa devo  colmarla cercando di avvicinarmi nuovamente.  

Non c’è una giusta misura.  

Il disturbo borderline è la sofferenza di non poter stare, dell’essere costretti a muoversi avanti e indietro,  verso una meta amata e odiata. È come camminare su una superficie che scotta e brucia profondamente il  proprio mondo interno. 

Articolo di Nicola Conti
Psicologo, ipnologo e Psicoterapeuta

Seguilo su Facebook e Instagram

Iscriviti alla Newsletter

Tutti gli ultimi articoli e le novità di Apri la Mente direttamente nella tua casella di posta.

Commenti su: L’inferno del borderline

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Crescita Personale
    Tutti noi spesso siamo portati a pensare che per raggiungere successo sia necessario un impegno fuori dal comune o un talento iniziale davvero incredibile, ma non è sempre così. Quando si tratta di miglioramento personale la situazione cambia parecchio: per ottenere i risultati che desideri non devi essere un individuo con delle abilità uniche, l’importante […]
    1. Curiosità
    La nostra vita è costellata di persone di ogni tipo. Ne conosciamo tantissime, ne condividiamo i sogni, le gioie e i dolori. Alcune diventeranno indispensabili mentre altre attraverseranno la nostra esistenza velocemente e senza lasciare tracce del loro passaggio. Avremo a che fare anche con altri individui, meno piacevoli purtroppo e, anzi, totalmente nocivi per […]