Nella nostra vita siamo portati spesso a pensare più agli altri che ai nostri bisogni. Eppure è importante riuscire a dire “no” alle richieste che ti vengono fatte, non per forza vuol dire che siamo egoisti. Tutt’al più significa stabilire le nostre priorità.

Alla lunga, conosci le esigenze e i bisogni di chi ci sta intorno: familiari, amici e addirittura il nostro partner. È perfettamente normale, significa solo che ami chi ci sta intorno.

Però puoi dire di fare altrettanto per i tuoi bisogni? Spesso finiamo per anteporre le necessità degli altri alle nostre pensando che ciò ci farà stare bene. In effetti è così: fare felice che ci sta intorno e realizzare i loro desideri è sempre molto importante, ma non dobbiamo scordarci di noi stessi.

I miei bisogni, i tuoi desideri

C’è un termine in psicologia che si chiama sindrome di Wendy. Chi ne soffre di norma presenta le seguenti caratteristiche:

  1. Si prende cura degli altri dando la priorità alla famiglia, agli amici o al partner piuttosto che se stessa.
  2. Soddisfare le necessità degli altri è il suo modo di amare.
  3. Ha un’autostima fragile perché spesso arriva il momento in cui si rende conto che si sta impegnando per gli altri senza ricevere nulla in cambio. A questo punto la persona affetta da sindrome di Wendy generalmente teme di essere abbandonata e quindi continua ad aiutare gli altri comunque.

Però spesso non si arriva ad essere così evidentemente affetti da questa sindrome, molto spesso i sintomi sono più lievi e difficili da individuare.

Per sapere se anche tu sei una Wendy, prova a pensare se provi regolarmente queste
sensazioni:

  1. Ti senti spesso in trappola, di essere legato il tuo lavoro, oppure i tuoi doveri di madre, figlio o compagna sono prioritari rispetto al resto
  2. Ogni giorno ripeti le stesse attenzioni per chi hai intorno e ti sembra che tutti si aspettino una regolarità emotiva da te. Sei una persona capace di dedicarsi a chi hai intorno in modo totale. Hai spesso la sensazione che gli altri diano per scontate le tue cure e le tue attenzioni. Ti sembra che nessuno si accorga della necessità che
    hai, di maggiore tempo per te stessa.
  3. Tutti quelli che hai intorno pensano che regalare a loro il tuo tempo libero ti renda felice. Inoltre, se sei una Wendy, ti capita spesso arrivata a sera, di sentirti stanca e frustrata all’idea che il giorno dopo si ripeteranno le stesse dinamiche. Se ti capita di lamentarti di non aver avuto istante per te, probabilmente sei una Wendy.

È ora di prenderti quello che meriti

Se ti rendi conto di essere una o un Wendy, è ora che metti in atto delle abitudini per cambiare questo tuo essere. Come prima cosa devi capire che quando ti concedi ciò che meriti, attrai quello di cui hai veramente bisogno. Cerca di memorizzare questa frase e riflettici ogni giorno, fino a quando non sarà naturale applicarla.

Devi capire che pensare anche a sé stessi, non vuol dire essere per forza egoisti: anche tu meriti di essere felice. Vedrai che pensando a te stessa riuscirai anche ad essere amorevole con chi ti circonda, senza però trovarti nella situazione stressante di prima.

Impara a dire di no quando quello che ti viene richiesto si scontra con i tuoi bisogni, i tuoi desideri o le tue necessità. Cerca di dedicare almeno due ore a te stessa: chi ti circonda, ti vuole bene e sicuramente non avrà problemi a concederti del tempo qualora tu glielo chieda.

© 2020 Apri la Mente – Tutti i diritti riservati

Commenti su: Preoccuparsi solo degli altri non aiuta ad avere ciò che vuoi

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Crescita Personale
    La vita è un insieme di gioie e dolori, momenti certi e altri assolutamente oscuri: bellissima e spaventosa allo stesso tempo. Se ti chiedessero di definire la vita probabilmente daresti una definizione simile oppure completamente diversa, non c’è un’unica possibilità giusta. Potresti concentrarti sugli aspetti più negativi, oppure quelli tipicamente positivi della nostra esistenza, dipende […]
    1. Crescita Personale
    Nella vita nulla rimane uguale e tutto cambia: sia perché cresci, sia perché l’immobilità non è compresa nella natura umana. Cambiare significa sperimentare qualcosa di nuovo, scoprire nuovi interessi e abbandonarne di vecchi. Se riuscirai ad essere padrone del cambiamento riuscirai anche a migliorare come individuo e crescere emotivamente. Ovviamente, i cambiamenti possono riguardare tantissime […]