A tutti noi potrebbe capitare prima o poi di sentire che qualcosa nella nostra esistenza non sta andando come vorremmo: magari desideri un cambiamento nel lavoro oppure nei tuoi rapporti personali, è una cosa perfettamente normale. Il semplice fatto che ogni anno tutti noi facciamo dei propositi per il nostro futuro è abbastanza indicativo del fatto che non esiste una vita perfetta.

Nonostante tutto però cambiare è sempre molto difficile, infatti tutte le promesse che ci facciamo spesso e volentieri finiscono per essere accantonate nel giro di breve tempo. Le motivazioni possono essere molteplici, ma la principale è quella che riguarda la nostra forza di volontà: cambiare è difficile perché richiede molto impegno e determinazione, due caratteristiche piuttosto rare. Ma ci potrebbero essere altre motivazioni e la neuroscienza potrebbe esserti molto d’aiuto.

Secondo questa scuola di pensiero, ad esempio, avere la corretta immagine di sé è essenziale per promuovere un giusto sviluppo personale. Maxwell Maltz ha scritto in un suo libro: “L’immagine di sé è la chiave della personalità umana e del comportamento umano. Cambia l’immagine di te e cambi la personalità e il comportamento. L’immagine di sé definisce i confini della realizzazione individuale. Definisce ciò che puoi e non puoi fare”.

Gestire identità e cambiamento 

Secondo i principi delle neuroscienze riuscire a cambiare la propria identità equivale a mettere in moto un cambiamento nel nostro modo di essere e nei nostri atteggiamenti. Quindi quando desideri migliorare un aspetto della tua vita devi fare in modo che gli sforzi per realizzarlo siano in linea con la tua identità. Tony Robbins disse “L’identità guida il comportamento”. È un po’ come se il nostro cervello ci sabotasse inconsciamente.

Ad esempio, quando promuovi un cambiamento che non rispecchia il tuo modo di essere, la tua mente mette in atto delle reazioni avverse per farti cambiare obiettivo. Cerca di teneramente quello che diceva il dottor Bruce Lipton: “il 95 percento della tua vita proviene dalle informazioni programmate nel tuo subconscio. Quindi, per definizione, la tua vita è una stampa dei programmi subconsci. Al contrario, tutto ciò su cui devi lavorare sodo, impegnarti molto o per cui devi lottare, è escluso dai tuoi programmi, che non lo supportano”.

Ma come si fa esattamente a cambiare la propria identità? Andare contro le nostre abitudini e le nostre convinzioni mentale è particolarmente difficile ma non è impossibile. Ci sono alcuni metodi che aiutano a riprogrammare il nostro cervello per migliorare la nostra vita e mettere in atto un cambiamento reale. Potresti ad esempio utilizzare l’auto ipnosi e la meditazione per imprimere una nuova identità al tuo subconscio. Ricordati che la ripetizione è la chiave del miglioramento, quindi, cerca di reiterare tutte le abitudini che ti sembrano positive per la tua vita. Infine, ricordati che gli eventi della vita potrebbero portarti a un cambiamento di identità in modo involontario. 

Ti lascio con le parole del dottor Bruce Lipton un’altra volta: “Non siamo vittime di nient’altro se non dei programmi con cui operiamo. Dobbiamo modificare questi programmi. Se i tuoi programmi subconsci corrispondono ai desideri della mente cosciente, la tua vita sarà una continua esperienza di luna di miele per tutto il tempo in cui vivrai su questo pianeta “.

Sicuramente non è facile riuscire a cambiare ma l’importante è provare a farlo sfruttando la tua identità e non solamente la tua forza di volontà. In questo modo otterrai maggiori benefici con un minore sforzo e riuscirai a realizzare tutti i desideri che hai in testa. Riuscire ad essere un tutt’uno con il proprio subconscio ti porterà gioia e soddisfazione nella vita. 

Ti piacciono gli articoli di Apri la Mente Staff? Seguilo sui Social!
Commenti su: Se desideri cambiare la tua vita, la neuroscienza potrebbe aiutarti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    ultimi articoli

    1. Crescita Personale
    Oggi viviamo nell’era delle distrazioni e nell’economia dell’attenzione, e siamo sottoposti a un bombardamento di stimoli e pressioni che ci costringono a fare sempre di più. Crediamo che essere occupati sia la soluzione. Questo ci porta a soffrire di una “patologia” che a lungo andare ci porterà all’autodistruzione, l’iperattività. Questo concetto è trattato in modo […]
    1. Crescita Personale
    2. Stoicismo
    Marco Aurelio crebbe circondato da cose meravigliose: grande arte e splendida architettura, cibo a volontà, vino buono e abiti magistralmente tagliati. Quando divenne imperatore aveva tutto ciò che avrebbe potuto desiderare. Marco Aurelio tuttavia era un filosofo stoico e sapeva bene che la legge della vita è il cambiamento e che non bisogna mai lasciarsi […]
    1. Spiritualità
    La natura enigmatica delle rune è innegabile. Come simboli, vogliono dire poco (se non addirittura nulla) per l’occhio non allenato, ma sembrano trasmettere ugualmente un qualche tipo di antico significato mistico. Benché possiamo svelare in certa misura i loro misteri esaminandole e utilizzandole, anche gli studiosi più esperti delle loro proprietà magiche e dei loro significati divinatori si renderanno conto che c’è sempre […]
    1. Spiritualità
    Chi sono gli Arcangeli? Quanti sono? Come possiamo riconoscerli e invocarli con la preghiera? La parola arcangelo deriva dal greco archi, che significa “primo, principale o primario”, e angelos, che significa “messaggero [di Dio]”. Perciò gli arcangeli sono i principali messaggeri di Dio. Gli arcangeli sono esseri celesti estremamente potenti. Ciascuno di loro ha una specialità e rappresenta un aspetto di Dio. […]
    1. Psicologia
    Ormai da qualche tempo, quando ci accingiamo a condividere le nostre riflessioni e le nostre esperienze sul tema della gentilezza, in un convegno o in una conferenza o, come in questo caso, in un libro, abbiamo l’impressione di entrare in uno spazio noto, familiare, dove ci riconosciamo e ci scopriamo non inclini a seguire un iter ordinato che contempli un inizio, […]